Tre anni fa una giornalista americana dell’Huffington Post, Burley Hoffman, regalò un iPhone al figlio e stipulò con lui una sorta di contratto pubblico con delle regole che il figlio avrebbe dovuto rispettare. All’epoca mi sembrò l’esercizio retorico di una madre narcisista (al pari delle recenti lettere dei genitori alle maestre pubblicate su Facebook) e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Gli stranieri ai margini nel calcio dei poveri

prev
Articolo Successivo

In rete il Tripadvisor delle pompe funebri

next