L’idea era buona: dare ai 14 enti di ricerca pubblici il potere di assumere ricercatori a tempo indeterminato senza dover aspettare le decisioni dei ministeri vigilanti, visto che la burocrazia è troppo lenta per la scienza. Ma il risultato perverso è che lo “schema di decreto legislativo recante semplificazione delle attività degli enti pubblici di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Manovra, il governo punta ad avere dall’Ue 3,5 miliardi di deficit in più

prev
Articolo Successivo

Matteo e il disprezzo per i docenti

next