Stavolta Matteo Renzi ha fatto un passo più in là. Non ha solo parlato del Ponte sullo Stretto come di un’opera da fare, ma ha sostanzialmente adottato la posizione sull’opera di un’impresa privata che in giudizio sta chiedendo centinaia di milioni allo Stato. Venerdì sera, in tv, il presidente del Consiglio si è espresso così, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A Torino cambia tutto e niente. Il paradosso Chiara Appendino

prev
Articolo Successivo

“Il Ponte? No, ma anche Sì, tutto sommato va bene…”

next