Renzi, l’avvocato di Pietro Salini

Il premier in tv: “Se il Ponte non si fa dovremo pagare alle imprese penali miliardarie”. È la tesi dei costruttori. Per l’Avvocatura dello Stato, invece, l’esborso è 30 milioni. Ora in Tribunale?
Renzi, l’avvocato di Pietro Salini

Stavolta Matteo Renzi ha fatto un passo più in là. Non ha solo parlato del Ponte sullo Stretto come di un’opera da fare, ma ha sostanzialmente adottato la posizione sull’opera di un’impresa privata che in giudizio sta chiedendo centinaia di milioni allo Stato. Venerdì sera, in tv, il presidente del Consiglio si è espresso così, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.