Noi, lo diciamo senz’ombra di ironia, seguiamo sempre Federico Rampini con spasmodico interesse e una punta d’invidia per le innumerevoli qualità che egli possiede e a noi invece difettano: la padronanza dell’economia globale, la familiarità con i mercati internazionali, la dimestichezza con le lingue straniere e soprattutto le bretelle dai colori sgargianti e dalle dimensioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

giovedì 18 agosto 2016

prev
Articolo Successivo

La testatina 1808

next