L’ultima causa l’hanno intentata i legali della coop Centro Italia e della controllata Coofin srl, che si sono presentati il 26 luglio scorso al tribunale di Firenze per chiedere a Mps e Consob 137,1 milioni di danni “assumendo essenzialmente la falsità dei prospetti informativi” degli aumenti di capitale fatti nel 2008, 2011 e 2014. A […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Olimpiadi, io ho rifiutato di firmare assegni in bianco”

prev
Articolo Successivo

Referendum, spot sui treni per alzare l’affluenza

next