Rimettere in libertà Adel Kermiche, sgozzatore di padre Jacques Hemel, sotto braccialetto elettronico è stato un errore. Di più, un “fallimento”. Lo ha dovuto ammettere il premier Manuel Valls, di fronte alle evidenti lacune dell’antiterrorismo. Il 19enne, schedato “S” perché radicalizzato, ha massacrato l’anziano sacerdote nella chiesa di Saint-Étienne- du-Rouvray proprio durante le ore di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Cari politici: verba volant, social manent

prev
Articolo Successivo

Francia e Germania, cuore impaurito d’Europa

next