In queste notti d’estate anche Vincenzo Mollica esce dal bioparco del Tg1 fatto di entusiasmi e superlativi (Mollica è notoriamente un pezzo di pane; anzi, di marzapane). La passione per il fumetto lo spinge in cerca di supereroi in carne e ossa, con cui ripercorrere la storia dello spettacolo. In circolazione non ne sono rimasti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I dubbi di Federica di fronte al terrore: “Perché morire in una guerra così?”

prev
Articolo Successivo

cattiveria 3007

next