Non bastava la posizione assunta ufficialmente da Confindustria, che si è schierata per il Sì al referendum costituzionale con un voto all’unanimità del Consiglio generale lo scorso 23 giugno. Non bastavano le “stime” prodotte dal Centro Studi che profetizzano disastri in caso di vittoria del No. Adesso, la richiesta dell’associazione agli imprenditori è quella di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Venghino cronisti in Emilia Romagna, paga il presidente della Regione Bonaccini

prev
Articolo Successivo

Scassano la Costituzione per 60 milioni l’anno

next