Fin da prima che Donald Trump invadesse la politica americana, le convention erano dei circhi: kermesse strapaesane, con delegati che non se ne perdono una e altri che arrivavano con lo spirito con cui i musulmani vanno alla Mecca, il viaggio della vita, una testimonianza di fede politica. Sotto il tendone di ‘Barnum’ Trump, alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Ho cercato di aprire la portiera, ma Bouhlel mi ha puntato la pistola”

prev
Articolo Successivo

Il fantasma di Donald aleggia su Washington

next