Alla fine Denis Verdini ce l’ha fatta a entrare in maggioranza. E anche al governo. Lo fa a modo suo, non dalla porta principale, ma dalla finestra, creando una nuova formazione parlamentare insieme a 4 fuoriusciti di Scelta civica, ai suoi 10 deputati di Ala e a un deputato tosiano di Fare (Marco Marcolin). E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Consiglio a Renzi e Boschi: se volete il Sì, dovete sparire

prev
Articolo Successivo

Per Civati due giorni a Reggio Emilia con Pasquino e Urbinati

next