Da mesi il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu non dorme sonni tranquilli a causa di almeno due inchieste per frode che lo vedono coinvolto. Ma la notte scorsa potrebbe non aver dormito affatto. Nonostante la tanto attesa decisione del procuratore generale Avichai Mandelblit circa il presunto finanziamento illegale ricevuto dall’amico pokerista miliardario franco-israeliano Arnaud Mimran […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

“Negli Usa c’è razzismo istituzionale”

next