Controllo dei costi”, “indicatori di rendimento”, “smaltimento flussi”. Sono le voci di bilancio di una società? Nient’affatto. È la grammatica quotidiana della giustizia italiana. Con magistrati “pressati” dalla tabella di marcia dei giudizi da definire, che rischiano di influire sulla qualità delle decisioni. E la politica, sempre alle prese con la “coperta corta” delle risorse, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“L’ho combattuto senza vestire pupi”

prev
Articolo Successivo

Uk, la lezione che Renzi deve imparare

next