Io Tarzan, tu Jane, essi dormono. Ovvero, noi dormiamo, noi spettatori, “costretti” a sorbirci un sonnacchioso rilancio (reboot) cinematografico del personaggio creato da Edgar Rice Burroughs. Non funziona quasi nulla, con la splendida eccezione degli animali, soprattutto i gorilla Mangani da cui viene allevato Tarzan: realizzati in computer grafica (CGI), scimmioni, leoni, elefanti, gazzelle, ippopotami […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

40 anni fa “La gatta cenerentola”, una pietra miliare del teatro del 900

prev
Articolo Successivo

A zonzo per un luogo che non c’è: a volte il teatro sa essere vita

next