L’avevamo lasciato senatore berlusconiano nel gennaio 2013, vigilia delle ultime elezioni, mentre dava l’addio alla politica: “Il mio contributo si è esaurito, ma non l’urgenza di una rivoluzione liberale” (sottotesto: non mi hanno capito). L’avevamo ritrovato nell’ottobre successivo, tra la folla dei 40 mila accorsi in piazza del Popolo a Roma a spellarsi le mani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

mercoledì 13 luglio 2016

prev
Articolo Successivo

Fuorigioco Mannelli 1307

next