Lo scandalo scoppiato nelle ultime ore in Spagna, sul finire della campagna elettorale, è un fulmine a ciel sereno. Il giornale Publico ha rivelato il testo della registrazione, giuntagli in forma anonima, di alcuni incontri tra il ministro degli Interni Jorge Fernández Díaz e il capo della catalana Oficina Antifrau (ufficio anti-frodi, ndr), il magistrato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Rotondi, tra rivoluzione cristiana e anima punk

prev
Articolo Successivo

Lajcak: “Noi slovacchi appoggiamo l’Italia sull’immigrazione”

next