Augusto Barbera se n’è giustamente rallegrato col Fatto Quotidiano: la fine dell’indagine sui concorsi universitari truccati del 2010-11 nella quale è coinvolto gli permetterà se non altro di andare a difendere la sua posizione davanti a un giudice. Sempre che, ovviamente, la Procura di Roma decida per il rinvio a giudizio. La cosa imbarazzante è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Corte Costituzionale, concorsi truccati: ecco come si muoveva il giudice Barbera

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next