Quattordici minuti. È il tempo della lite che ha portato alla morte Sara Di Pietrantonio, cosparsa di alcol e data alle fiamme dal suo ex fidanzato di 27 anni. Dopo Maria Anastasi di Trapani bruciata al nono mese di gravidanza e Fabiana Luzzi, calabrese, morta allo stesso modo per mano di un fidanzato non ancora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

1946: l’Italia in macerie, tra fame e speranza, diventa una Repubblica

prev
Articolo Successivo

Carne e antibiotici, allarme in tavola: “Manca la ricerca”

next