Tutto bene quel che finisce bene. Ma per quanto rallegrati, non dovremmo dimenticare che la liberazione del fuciliere Salvatore Girone chiude una partita che molti tra i nostri hanno fatto il possibile per perdere. Parliamo di tutti coloro, politici o giornalisti, che in questi quattro anni hanno gridato che la patria era stata vilipesa e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Franzaroli 2705

prev
Articolo Successivo

L’Austerità distrugge la coesione

next