Se si raccoglie un frutto, allora è giusto raccogliere una storia, frutto della stessa terra. Così Nelson Mandela, punto nevralgico della storia e della politica africana e Premio Nobel per la Pace 1993, depreda amorevolmente l’immaginario fiabesco africano per cucire insieme fiabe incantevoli e ribelli, trascritte dai più importanti folkloristi del mondo direttamente dalla tradizione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La “Signorina Snob” non si sente in “cornice”

prev
Articolo Successivo

Gialli teutonici: visioni dantesche e delitti “caseari”

next