Anche quest’anno sarà possibile far emergere i capitali nascosti al fisco all’estero senza grossi patemi d’animo. Sono i conti pubblici che lo richiedono e in particolare la necessità di recuperare un paio di miliardi per la prossima legge di stabilità. Gli evasori ringraziano, il regalo è servito: è la cosiddetta voluntary disclosure, per la quale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Equitalia: I nuovi 80 euro di Matteo

prev
Articolo Successivo

Da Ior a Etruria: arrestato l’imprenditore di Dio

next