Un’esperienza insolita quella di Adotta uno scrittore. E sono stato io l’adottato. Ho vissuto, in attesa del Salone Internazionale del Libro, tre incontri da febbraio a maggio con un terzo anno di Liceo Classico (ovvero un “primo liceo”, dopo il biennio ginnasiale) all’Istituto Sociale di Torino. È un’iniziativa – giunta alla quattordicesima edizione, la cerimonia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La settimana Incom

prev
Articolo Successivo

La reliquia e il potere di ricomporre la vita e l’amore disperso

next