I candidati nelle città hanno l’ansia negli occhi: “Ci chiedono sempre di inchieste e arresti”. Soprattutto, i sondaggi battono il tamburo dell’allarme. Con il Pd che ha perso sette punti in un mese. E con Matteo Renzi, l’uomo del fu 40,8 per cento, che si ritrova alla pari nei consensi con lo sfidante che verrà, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Gli 007 americani bloccano Renzi: Carrai resta a casa

prev
Articolo Successivo

Lo show è finito A Platì la leopoldina batte in ritirata

next