C’è un 25% in più di risorse pubbliche”. Con queste parole, ieri il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha presentato le linee guida del nuovo “Piano nazionale della ricerca” (Pnr). Come di consueto, nessun testo concreto, ma solo slide. Eppure l’attenzione era alta, perché il documento contiene i “2,5 miliardi per la ricerca” annunciati nei giorni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un anno di Jobs Act: solo l’8% degli italiani crede che funzioni

prev
Articolo Successivo

“Con queste somme non si può fare scienza, l’Italia resta indietro”

next