Il buono annoia, intervista il cattivo

Di Claudio Sabelli Fioretti
12 Aprile 2016

Lo dico subito: i cattivi sono i migliori da intervistare. Se mai incontrerò per strada Adolf Hitler (lo sapete vero che non è morto ma vive in una estancia nella pampa argentina?) gli chiederò subito un’intervista. Gli farei una serie infinita di domande e sfido qualunque dirigente della Rai a dirmi: “No grazie, non la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui