Mentre scrivo, l’intervista di Bruno Vespa a Salvo Riina, figlio del boss stragista Salvatore, non è ancora andata in onda. Eppure tutti già ne parlano come se l’avessero vista. Intendiamoci. Se fossi Salvatore Borsellino, o Giovanna Maggiani Chelli, o un altro parente di vittime di mafia, non potrei sopportare la vista dell’erede del carnefice delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

Testatina 0704

next