Alla commemorazione di Nino Andreatta promossa da Enrico Letta si sono rivisti un po’ tutti i protagonisti della stagione dell’Ulivo, compresi Prodi e Parisi, che dell’Ulivo fu un po’ l’ideologo. Di recente mi capita di distinguermi da lui, cui pure mi legano una fraterna amicizia e un lungo sodalizio sotto le insegne dell’Ulivo: ha sostenuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Caro Marchini, quante aziende ha davvero?

next