La prima volta che ho mangiato insetti è stata in Thailandia nel 2004. Mercato di Chang Rai. Bolgia. Un baracchino che vende spiedini di grillo. Una sfida: se non ora, quando? Eccezion fatta per il “casu marzu” sardo, dieci anni fa per un italiano mangiare insetti era una cosa impensabile. Ma qualcosa è cambiato se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Arrabbiati, afosi o statisti I tassisti tribù per tribù

prev
Articolo Successivo

“In coma? Meglio ibernato“

next