Vietato nominare Marco Carrai. Specialmente se si tratta di riferire – per dovere di cronaca – quanto rivelato ieri mattina dal Fatto sull’amico di Matteo Renzi in procinto di ottenere un incarico alla cybersecurity: una rete, con ramificazioni in Israele e Lussemburgo, di banchieri, costruttori e società estere, che si nasconde dietro lo 007 preferito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)