Il primo problema di Roma è l’incapacità, soprattutto tra i dirigenti del Comune. E poi certo il malaffare, i rapporti malati tra amministrazione e imprese, una politica debole. Ma Roma si può ancora salvare”. Il magistrato Alfonso Sabella si infervora. Racconta il rosario di guai sgranato nei dieci mesi da assessore alla Legalità nella giunta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Roma, guerra per la casa. Tronca “salva” i costruttori

prev
Articolo Successivo

Dalla Banda della Magliana alle rapine. Preso Er Gnappa, l’amico di Carminati

next