L’Unità renziana, bisogna ammetterlo, è uno spettacolo pirotecnico di firme che spiazza sempre. Non sai mai chi c’è dietro l’angolo, pronto ad apporre il suo autografo prezioso sotto la testata rossa fondata da Antonio Gramsci. Ebbene la fantasia del direttore Erasmo, basta il nome in questi casi, non trova mai riposo. E così da due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Scomunicato” il prete anti-tumori

prev
Articolo Successivo

Boschi gestisce il decreto su Popolari e indennizzi

next