/ / di

Vittorio Alessandro Vittorio Alessandro

Vittorio Alessandro

Contrammiraglio in pensione e presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre

Sono nato a Porto Empedocle quando la Sicilia era molto più lontana di adesso e dal molo partivano zolfo e salgemma. Il liceo lo iniziai ad Agrigento e lo conclusi a Roma, dove poi mi sono laureato in legge.
Dopo essere entrato nelle Capitanerie, la vita randagia dell’ufficiale mi ha portato a comandare i porti di Sant’Antioco, di Portoferraio, di La Spezia. Ho fatto parte, fino a guidarlo, del Reparto ambientale marino ed ho insegnato nell’Accademia di Livorno. Nel 2006 ho coordinato l’intervento ambientale italiano in Libano, dove 14mila tonnellate di olio combustibile, da serbatoi costieri squarciati dalle bombe israeliane, erano finite in mare.
Assunta nel 2010 la direzione delle relazioni esterne del Comando generale, alla vigilia dei grandi arrivi di migranti a Lampedusa, intrapresi con forza il racconto dei soccorsi nel canale di Sicilia perché si comprendesse cosa siano – per rischio e per conquista – quegli interventi in mezzo al mare. Tre anni dopo, il naufragio della Costa Concordia rischiò di portare a fondo anche l’immagine della marineria italiana: fu gravoso l’impegno di portavoce della Guardia Costiera nelle concitate discussioni televisive sull’impresa di Schettino. Alcune mie riflessioni di quei mesi sono state pubblicate da Mursia in una sorta di diario di bordo cui ho dato il titolo “Puntonave”.
Qualche mese dopo il Ministro dell’ambiente mi offrì un ennesimo naufragio: quello del Parco Nazionale delle Cinque Terre, sconvolto da una grave inchiesta giudiziaria e dalla distruzione alluvionale di Monterosso e Vernazza. Accettai, rinunciando alla divisa, e da tre anni ne sono dunque il presidente.
Non c’è solo il mare a unire, ai miei occhi, la Sicilia dello zolfo e le coste inquinate del Libano, Lampedusa e le Cinque Terre: nonostante la loro diversa consistenza, queste esperienze mi conducono all’unica questione di come si possano rispettare l’ambiente e gli uomini, insomma le loro storie.
Tento una risposta, e vorrei qui tentare anche le parole giuste per parlarne.

Blog di Vittorio Alessandro

Diritti - 23 aprile 2016

Migranti come statue

Le vittime della più grande strage di migranti nel Mediterraneo, avvenuta quasi un anno fa, si trovano ancora 370 metri sotto il livello del mare. Soltanto 28 furono allora i sopravvissuti, 169 i cadaveri recuperati, e si pensa siano almeno 400 corpi all’interno del barcone adagiato sul fondo che la Marina Militare, a richiesta del […]
Ambiente & Veleni - 20 aprile 2016

Genova, il petrolio sversato e gli ambientalisti accusati di buonismo

L’inquinamento di olio greggio provocato, nei pressi di Genova, dalla rottura di una tubazione fra la nave e il deposito costiero, ha chiamato ad operare, oltre che l’organizzazione dell’impianto: i vigili del fuoco, l’Ispra, la protezione civile, la Guardia costiera, le società dei servizi di disinquinamento in mare e a terra, l’Arpal, e tutti gli […]
Diritti - 25 agosto 2015

Migranti, soccorriamo anche i soccorritori

C’è un aspetto importante che il grande clamore intorno al tema dell’accoglienza copre quasi completamente, ed è il punto di rottura al quale sono ormai prossimi uomini e mezzi impegnati nel Canale di Sicilia. Navi e motovedette depositano di continuo il carico di naufraghi e ripartono appena finito il rifornimento di carburante e provviste. Le […]
Società - 24 agosto 2015

Casamonica: un saluto dovuto al boss, per il grande lavoro svolto dalla mafia

“Hai conquistato Roma, conquisterai il Paradiso”. Il grande striscione apposto sulla facciata della parrocchia Don Bosco per lo sfarzoso funerale di Vittorio Casamonica, definito capomafia e re incontrastato di spaccio, usura, prostituzione ed estorsioni, non è bastato ad allarmare il parroco perché, egli ha chiarito, quel sant’uomo era un cattolico praticante. Se le cose stanno […]
Diritti - 23 agosto 2015

Migranti: se reciti il ‘Confiteor’ in italiano avrai il visto d’ingresso

Per semplicità chiameremo “sindrome della lavastoviglie” quella per cui ci sentiamo molto sollevati quando tutte le tracce del pasto, ormai sporcizia, scompaiono dentro l’elettrodomestico per riapparire linde e pronte per il nuovo uso. La proposta del giorno è dunque quella di usare come lavastoviglie le piattaforme dell’Eni ormai fuori uso nel canale di Sicilia: lì […]
Diritti - 12 agosto 2015

Migranti, costruiamo canali umanitari

Between the devil and the deep blue sea, il titolo di un brano degli anni ’30 rivisitato nel tempo da molti musicisti, è un’espressione marinara di incerta origine apparsa per la prima volta in un testo inglese del Seicento, divenuta poi di uso comune per descrivere la difficile scelta tra situazioni entrambe pericolose. Nel dilemma […]
Cronaca - 29 luglio 2015

Sequestro del porto di Ostia, il patrimonio costiero italiano sempre più in malora

Il sequestro del porto turistico di Ostia, per un ammontare di beni pari a oltre quattrocento milioni di euro, segna una nuova disfatta. È presto per conoscere nel dettaglio gli atti dell’inchiesta, ma alcune considerazioni possono farsi fin d’ora. La prima è l’ennesima presa d’atto di quanto sia pronunciato il sistema della corruzione finanziaria in […]
Società - 28 luglio 2015

Mare, la storia del maresciallo Sanna e chi salva una vita salvando il mondo intero

Domenica pomeriggio il maresciallo Sanna, comandante dell’Ufficio locale marittimo di Riva Trigoso, in Liguria, completate le pratiche di lavoro, si è recato in spiaggia con un amico. Alessandro Sanna, nato ad Oristano ma da anni in servizio a Genova, per deformazione professionale guarda il mare in un certo modo, convinto di dover sempre prendere nota […]
Ambiente & Veleni - 25 luglio 2015

Decreto Salvacoste, Portofino dimentica la tragedia della Concordia

Fatta la legge, trovata la deroga, anzi due. Giorni fa Portofino è riuscita nell’obiettivo di portare le navi da crociera a poco più di 500 metri dal confine della propria area marina protetta. Per raggiungere tale scopo, ha spiegato ai giornalisti il sindaco (e presidente dell’area protetta) Giorgio D’Alia, è stato necessario seguire “un percorso […]
Cronaca - 22 luglio 2015

Migranti: l’inconsistenza degli argomenti dei neorazzisti

A Casale San Nicola, incrocio fra Braccianense e La Storta a nord di Roma, diciannove profughi mandati dal prefetto hanno trovato la strada sbarrata. A “difendere” questo agglomerato di case senza identità e senza storia sono i suoi 150 residenti, insieme ai militanti di CasaPound il cui vicepresidente Andrea Antonini ha rispolverato toni da irredentismo: […]
Povertà, quando combatterla fa rima con integrazione
Oxfam, altro che buonismo astratto. Ecco come le donazioni hanno nutrito la Tanzania

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×