/ di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 11 luglio 2017

I repubblicani e la maledizione dell’Obamacare

Non appena tornato in patria dopo il G20 di Amburgo, il presidente Donald Trump ha iniziato a fare pressione sui senatori repubblicani affinché mettano a punto la nuova legge sull’assistenza sanitaria, suo cavallo di battaglia durante la campagna elettorale, che dovrebbe sostituire l’Obamacare. Il nuovo disegno di legge si trova da settimane in Senato per […]
Mondo - 8 luglio 2017

L’Unesco “scippa” a Israele la tomba dei padri

La città vecchia di Hebron in Cisgiordania è il luogo dove l’occupazione israeliana, in corso da 50 anni esatti, ha costretto di fatto i palestinesi a chiudere le proprie attività, ad abbandonare le abitazioni ereditate dai padri e dai nonni per fare posto ai coloni ebrei che girano armati. Tutto questo sotto gli occhi indifferenti […]
Mondo - 6 luglio 2017

È ancora Doha contro il resto del Golfo

L’estensione di 48 ore dell’ultimatum dato dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati al Qatar, dopo avergli recapitato una lista di 13 richieste da soddisfare in cambio della fine dell’embargo diplomatico-commerciale, è finita senza alcuna schiarita. Anzi, dal Cairo, capitale di uno dei quattro paesi che hanno dato il via all’isolamento di Doha, il ministro degli […]
Mondo - 4 luglio 2017

Triton, l’isola che fa litigare Cina e Taiwan

Con l’invio della USS Stethem Destroyer, una delle navi da guerra della Marina statunitense, a meno di 12 miglia nautiche (22 km) dall’isola Triton, nell’arcipelago delle Paracel occupato da Pechino, che si estende in quello specchio d’acqua dell’Oceano Pacifico noto come Mare Cinese, il Pentagono ha irritato non poco il Dragone. A poco più di […]
Mondo - 2 luglio 2017

“Anche una marcia pacifica per il Sultano è un complotto”

La marcia per la giustizia è un segnale forte che la società civile turca sta dando al regime, ma proprio per questo Erdogan difficilmente permetterà a Kemal Kilicdaroglu, il segretario del maggior partito di opposizione, che ha indetto questa pacifica protesta, di entrare a Istanbul la prossima settimana con migliaia di persone al seguito per […]
Mondo - 25 giugno 2017

Macron sbraita, Putin gli piazza la sua tv in casa

Durante la conferenza stampa a Versailles del neo presidente Emmanuel Macron e del suo omologo Vladimir Putin, il 29 maggio, alla domanda sul perché ad alcuni giornalisti russi fosse stato impedito di seguire la campagna elettorale, Macron rispose senza esitazioni: “Quando i mezzi di informazione diffondono spregevoli menzogne non vanno più considerati tali. Russia Today […]
Mondo - 24 giugno 2017

La grande purga del Sultano sopprime anche Darwin

L’Arabia Saudita non ha gradito, per usare un eufemismo, l’immediato sostegno dato da Ankara all’emiro del Qatar, Tamin al-Thani, in nome non solo degli scambi commerciali ma della comune appartenenza alla Fratellanza musulmana. Sia il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sia l’emiro al-Thani, sono i portabandiera nel mondo islamico sunnita di questa corrente rivale del […]
Mondo - 23 giugno 2017

I “cuccioli” del Califfo: l’ultima speranza del jihad

A Mosul, solo nel mese di gennaio, si sono fatti esplodere 52 bambini. Secondo il nuovo rapporto dell’Unicef appena pubblicato, più di 5 milioni di minori iracheni hanno bisogno di aiuto urgente. Ma non si tratta solo di aiuti materiali, bensì psicologici per aiutarli a superare i traumi provocati da “una delle guerre più brutali […]
Mondo - 20 giugno 2017

“Trump è ignorante e lo staff cerca di limitarne i danni”

Alla periferia di Atlanta, nello Stato della Georgia, oggi si terrà l’elezione speciale per il seggio lasciato vacante dal repubblicano Tom Price dopo essere stato nominato ministro della Sanità. Se il candidato democratico riuscirà a sfilare il seggio ai repubblicani dopo 38 anni di monopolio, sarebbe un timido segnale di riscossa del Partito democratico. The […]
Mondo - 13 giugno 2017

Arabia Saudita e Qatar, la posta in gioco più che il Califfo è il gas

Se si gratta la narrazione offerta dai promotori dell’isolamento del Qatar, ovvero Stati Uniti e Arabia Saudita, appare evidente che il piccolissimo ma ricchissimo stato del Golfo non è stato punito perché sponsor di alcuni gruppi di estremisti islamici che combattono in Siria, come l’ex Al Nusra (ma non l’Isis che invece si ispira alla […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×