/ di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 30 luglio 2017

“Botte alla Spianata colpa di Bibi e Abu Mazen”

“Nessuno oggi ha interesse a far scoppiare una Terza Intifada ma, come è successo spesso nella storia, basta un piccolo incidente per far deflagrare una situazione già tesa e compromessa”. Dov Alfon, ex direttore del quotidiano Haaretz, oggi editore con lo scrittore Etgar Keret di un progetto culturale internazionale, spiega i motivi per cui la […]
Mondo - 29 luglio 2017

McCain, l’eroe che l’America non ha mai voluto da presidente

Ride bene chi ride ultimo”, “la vendetta è un piatto da consumarsi freddo” sono solo due dei proverbi usati dalla stampa americana e internazionale per spiegare il voto contrario del senatore dell’Arizona John McCain alla riforma della sanità auspicata dal presidente Trump. Dopo una giornata di discussioni convulse, all’una e mezza di notte è stato […]
Mondo - 28 luglio 2017

Al Jazeera e il senso di Bibi per i giornalisti

Nonostante i metal detector e le telecamere installate dalle forze di sicurezza israeliane siano stati rimossi e il Gran Muftì di Gerusalemme abbia esortato i fedeli a tornare a pregare presso la Spianata delle Moschee, centinaia di musulmani si sono scontrati con la polizia. Secondo la Mezzaluna rossa, 94 i feriti; per i media israeliani […]
Mondo - 27 luglio 2017

“Spray al peperoncino sui profughi”. Il prefetto: “Accuse senza fondamento”

Da quando nove mesi fa la “giungla” di Calais è stata sgomberata, le condizioni dei migranti in questa zona cruciale della Francia è peggiorata. “A Calais è come vivere all’inferno”, ha denunciato Human Rights Watch. L’organizzazione deplora gli abusi della polizia contro i profughi, ormai senza quasi più alcun sostegno da parte delle associazioni di […]
Mondo - 25 luglio 2017

Lo 007 e i metal detector della discordia

La disputa fatale sullo status quo della Spianata delle Moschee nella Città Vecchia di Gerusalemme è ormai un problema di stato anche per il re di Giordania che, per mantenere la propria autorevolezza di giorno in giorno più debole, ha deciso di impedire alla guardia dell’ambasciata israeliana ad Amman di tornare in Israele dopo aver […]
Mondo - 23 luglio 2017

È la Spianata delle preghiere ma per averla si massacrano

Il giorno dopo gli scontri mortali tra manifestanti palestinesi e le forze di sicurezza israeliane, Gerusalemme Est appare deserta e insolitamente silenziosa. Ma è una calma solo apparente, dovuta alla serrata dei commercianti arabi in segno di protesta per la morte di tre giovani palestinesi e l’arresto di decine di persone. Nuove manifestazioni si sono […]
Mondo - 18 luglio 2017

Il Califfo è a Raqqa e lotta assieme all’Isis

Abu Bakr al-Baghdadi è vivo al 99% e si trova in Siria, a Raqqa”. A sostenerlo sono gli ufficiali dell’antiterrorismo curdo. “Baghdadi è sicuramente vivo, abbiamo le informazioni che lo provano”, ha detto Lahur Talabany, direttore dell’Agenzia Zanyari, servizio di intelligence con base a Erbil, il capoluogo dell’omonimo governatorato che funge da capitale della Regione […]
Mondo - 16 luglio 2017

Basaksehir, club vincente: il Sultano è il suo sponsor

Che il ventenne Cenziz Under, appena arrivato nella capitale dopo essere stato acquistato per 13 milioni di euro dalla Roma, sia un talento del calcio non c’è alcun dubbio. Numerose squadre italiane e inglesi di serie A lo avevano messo nel radar da tempo grazie ai suoi tanti goal da fuoriclasse segnati durante lo scorso […]
Mondo - 15 luglio 2017

Le moschee, i selfie, la morte

Prima di essere uccisi dalle forze di sicurezza israeliane si sono fatti i selfie sulla Spianata delle Moschee come millenials qualsiasi arrivati all’agognata meta. Purtroppo però la meta che i tre ventenni palestinesi di nazionalità israeliana intendevano raggiungere non era il terzo luogo di culto più importante del mondo islamico – la Spianata delle moschee […]
Mondo - 13 luglio 2017

Kushner e la vendetta contro l’emiro

Le attività imprenditoriali del genero-consigliere di Trump, Jared Kushner, stanno riportando a galla il problema del conflitto d’interessi della famiglia presidenziale. Secondo fonti accreditate, Kushner – marito di Ivanka Trump nonché senior consigliere più vicino a The Donald – avrebbe provato senza successo a ottenere un prestito di 500 milioni di dollari dallo stato del […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×