/ di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 15 novembre 2017

La retromarcia del Kurdistan

Piegato nella volontà anche dal sisma che ha finora provocato oltre 500 morti e migliaia di feriti e sfollati, il Kurdistan iracheno ha infine alzato bandiera bianca e annunciato di accettare la sentenza della Corte suprema di Baghdad del 6 novembre che vieta la secessione di qualsiasi provincia dell’Iraq. “Crediamo che questa decisione debba diventare […]
Mondo - 14 novembre 2017

Più del sisma, l’embargo. Curdi feriti e senza cure

L’ospedale pubblico Hiwa di Sulaymaniyya, la città della Regione Autonoma curda irachena al confine con l’Iran, è rimasto in piedi nonostante il ferale terremoto di magnitudo 7.3 dell’altra sera. Che ha avuto un vasto epicentro proprio tra la città roccaforte della famiglia Talabani – che siede al governo della Regione con il clan Barzani – […]
Mondo - 9 novembre 2017

Caos e bombe a Kirkuk, non c’è pace per i curdi

Dopo le dimissioni del presidente curdo Masoud Barzani, la situazione nel Kurdistan iracheno anziché migliorare sta diventando di giorno in giorno più drammatica. Innanzitutto per il disinteresse degli Stati Uniti nel sovrintendere ai negoziati tra l’esecutivo della Regione Autonoma e il governo centrale di Baghdad dopo il referendum curdo per l’indipendenza tenutosi il 25 settembre […]
Mondo - 5 novembre 2017

Grosso guaio a Kiev. La democrazia è solo una promessa

Sono tornate ad agitarsi le bandiere a Kiev, e sono ricominciati i sit-in davanti al Parlamento e alla Banca Centrale. Un flusso di anziani sbuca dalla metropolitana e passa attraverso il memoriale della “rivoluzione della dignità”, a piazza Maidan, facendosi il segno della croce. Non si fermano: sono già le nove e devono sbrigarsi a […]
Mondo - 28 ottobre 2017

Si scrive Kurdistan iracheno, si legge Iran

È probabile che da oggi il presidente della Regione autonoma del Kurdistan iracheno, sotto il fuoco dal 16 ottobre dei soldati dell’esercito federale iracheno e delle milizie sciite sponsorizzate dal vicino Iran, non sarà più Masoud Barzani. Fondatore del partito democratico del Kurdistan, Pdk, e alleato di Washington fino al 24 settembre , vigilia del […]
Mondo - 19 ottobre 2017

Il sacrificio dei Peshmerga e la faida curda

Dopo la chiusura dello spazio aereo e delle frontiere del Kurdistan iracheno imposto da Baghdad, è apparso del tutto evidente il paradosso di questa regione. Nonostante la ricchezza di questa terra zeppa di petrolio e gas, dove si arriva a pagare 300 mila dollari per un numero telefonico vip e, ancora di più, per una […]
Mondo - 16 ottobre 2017

Somalia di sangue: 240 morti a Mogadiscio

L’attentato avvenuto davanti a un hotel di Mogadiscio, la capitale della Somalia, nell’area dove si trovano alcuni ministeri chiave del nuovo esecutivo, non solo è stato il più sanguinoso della travagliata storia di questo stato, schiantato da una guerra civile che dura da 26 anni. Ma è stato anche il più prevedibile per il caos […]
Mondo - 13 ottobre 2017

“L’Unesco è contro Israele” Gli Usa sbattono la porta

Nel Medio Oriente senza pace la notizia dell’uscita degli Stati Uniti dall’Unesco, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, potrebbe sembrare irrilevante. Ma è proprio quando l’arte, l’archeologia, la cultura e le scienze tornano a essere meri strumenti di pressione geopolitica che il campanello d’allarme dovrebbe riprendere a trillare più forte. Stavolta […]
Mondo - 4 ottobre 2017

Il ponte di Kirkuk e la farsa del referendum in Kurdistan

Dopo aver superato il ponte di Kirkuk, diventato dopo il referendum del 25 settembre una vera e propria frontiera tra i quartieri curdi e arabi sunniti da una parte e quello turcomanno sciita, decine di uomini armati fino ai denti ci si parano davanti per chiederci i documenti, ispezionare i nostri zaini e l’auto fin […]
Mondo - 29 settembre 2017

Baghdad “chiude” il Kurdistan Erbil pensa al ricatto dell’acqua

I check point per entrare e uscire dalla città contesa di Kirkuk, che ha partecipato al referendum contro il volere di tutti, sono ormai deserti. I peshmerga controllano più volte i documenti ai pochi che ancora transitano per questioni di lavoro o per andare a Erbil – la capitale della Regione autonoma del Kurdistan iracheno […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×