/ di

Ruggero Piperno Ruggero Piperno

Ruggero Piperno

Psichiatra e psicoterapeuta

Nato da una famiglia ebrea un anno prima della fine della guerra, sono di fatto vissuto a contatto con una ritualità cattolica piuttosto che ebraica, questo mi ha procurato non pochi problemi di appartenenza e una forte intolleranza verso gli integralismi, religiosi, culturali e di scuola.

Brontosauro in estinzione dei Servizi di Salute Mentale, ma memore del periodo d’oro, quando le attività e i servizi fiorivano e non appassivano, ho fondato nei primi anni ’70 con Fausto Antonucci e tanti altri amici e colleghi, e con l’indimenticabile supporto della gente del luogo, il primo Centro di Salute Mentale circoscrizionale a Roma, nella “piazzetta” (piazza Urbania, 4), di San Basilio.

Ho lavorato “tutta la vita” nei servizi pubblici come psichiatra e come psicoterapeuta, imparando la mia professione, essenzialmente come “autodidatta”, dalle vicende umane delle persone che quotidianamente incontravo, prima in manicomio e poi nel territorio, continuando a farmi domande sullo strano mondo della mente umana, dalla follia individuale, i vari disturbi mentali, alla follia collettiva che può spingere al genocidio, alla tortura o ai maltrattamenti, dal nazismo alla stessa organizzazione manicomiale ante legge 180.

Dal 2004, dopo essere andato in pensione dai servizi pubblici, coordino i progetti di Salute Mentale dell’Opera don Calabria di Roma, continuando ad interessarmi alle possibili interazioni fra persone con o senza una qualche forma di disagio mentale e contribuendo alla costruzione di servizi nel terzo settore, residenziali, semiresidenziali e ambulatoriali, come “Art. 3” un progetto di inclusione sociolavorativa per persone disabili, e l’Ambulatorio Sociale di Psicoterapia, che ci spinge a una continua ricerca sul concetto di “accessibilità” sia dal punto di vista economico che culturale.

Scrivo di problemi sociali inerenti alla psichiatria, alla disabilità, alla psicoterapia e allo stigma, immaginando che la cura dei disturbi mentali non possa essere esclusivamente specialistica ma che si debba anche lavorare per una accettabile integrazione sociale.

www.operadoncalabria.it

www.psicoterapiasociale.it

 Abitare l’altro. La psicoterapia nella prospettiva intersoggettiva

La sopravvivenza del ragno. Ovvero del buon uso della libertà 

I nodi attuali della psicoterapia 

La bellezza dell’albero, una giornata di straordinaria normalità

Articoli di Ruggero Piperno

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×