/ di

Riccardo Orioles Riccardo Orioles

Riccardo Orioles

Giornalista

Riccardo Orioles (Milazzo, 22 dicembre 1949) è un giornalista italiano, punto di riferimento nel panorama delle firme giornalistiche in Sicilia, impegnato a contrastare la mafia e la corruzione. Alcune delle sue inchieste più notevoli riguardano i rapporti tra mafia e massoneria.

Siti internet: www.isiciliani.itwww.ucuntu.org

Blog di Riccardo Orioles

- 22 luglio 2012

Ingroia in Guatemala, l’Italia ride di Borsellino

Abbiamo appena finito di celebrare in maniera commossa l’anniversario di Borsellino. Il giorno dopo, il suo principale allievo e continuatore dice: “Mi dispiace, non si può più lavorare qua. Me ne vado in Guatemala”. E nessuno – salve qualche “ma no?” di  circostanza – ha detto niente. I treni hanno continuato a viaggiare, i presidenti […]
Società - 12 luglio 2012

Catania, la Resistenza nel 2012

Periferie. Il Gapa da venticinque anni opera nel disagiato quartiere di San Cristoforo a Catania. Il quartiere, da molti anni dominato dalle cosche, è segnato da un’estrema emarginazione causata dalla disoccupazione e dall’abbandono. Fra le attività del Gapa (doposcuola, educazione alla legalità, attività rivendicative e di promozione sociale) c’è anche l’informazione con un giornale di […]
Società - 30 giugno 2012

Erasmus e l’antimafia: la Politica dei ragazzi

Non funziona proprio più, l’Europa ufficiale. Chiacchiere, banche e sacrifici ineguali. Sta facendo più danno, all’idea di Europa, di qualunque altra cosa. Eppure di Europa abbiamo più bisogno che mai. La Francia non è più una nazione, è – nell’epoca delle Cine e delle Indie – semplicemente una città-stato. E così l’Italia, la Germania, l’Inghilterra. […]
Media & Regime - 3 giugno 2012

Egregio Presidente… Le scrivono i liceali di Bologna

Questa lettera sta circolando ora nei licei bolognesi, e via via in molte altre scuole. La trovate anche su diecieventicinque.it, la testata bolognese della rete dei Siciliani. “Dieci e venticinque”, il nome del sito, a Bologna vuol dire qualcosa. Bologna che resiste, Bologna allegra e dura, Bologna di tutti noi. La legga, Signor Presidente. Qua […]
Politica - 26 maggio 2012

La politica dell’antimafia per superare il ventennio

Dopo vent’anni è crollata fragorosamente la destra. In Italia essa aveva aspetti particolarmente odiosi, esaltando il razzismo e la prostituzione. Inoltre – ciò che ci riguarda più diretttamente – aveva comunanze d’interessi, almeno occasionali, con l’area del potere mafioso. Per la mafia dunque comincia, annunciata da tempo, un’emergenza. Come reagirà (o ha già reagito)? Non […]
Cronaca - 19 maggio 2012

Brindisi, l’Italia feroce che non vuol morire

In piazza, in piazza subito, come per piazza Fontana. A Catania e Palermo i militanti antimafia saranno già in piazza fra poche ore. Niente dibattiti, non c’è tempo. Tutti in piazza, dappertutto. Vergogna a chi depista parlando di “anarchici”: è complice dei terroristi. Vergogna a chi non osa dire “mafia”, in queste ore, alto e […]
Media & Regime - 10 maggio 2012

Evviva! Ri-chiudiamo la radio di Peppino

Quest’anno, per l’anniversario di Peppino Impastato, celebriamo il suo ricordo – tutti insieme, chi lo fa e chi non se ne accorge – chiudendo d’autorità la sua radio, Radio Aut. Radio Aut oggi si chiama Telejato, e sta a pochi chilometri da dov’era prima. Lotta contro la mafia, non contro la mafia generica ma proprio […]
Politica - 8 maggio 2012

Il filo della crisi europea

Tunisi, Atene, Parigi. Napoli, Milano, Palermo. Il filo è questo. In Europa, i popoli che vogliono disperatamente salvarsi dalla crisi. Intuendo che non è più la crisi di un governo o di una politica, ma proprio la crisi globale di un sistema. Davvero – pensa la gente comune – dobbiamo essere governati dalle banche, così […]
Media & Regime - 28 aprile 2012

Monti e la libertà di stampa

Povero Fardazza, non è riuscito a chiudere Telejato. Invece il professor Monti sì. Hai visto che fa fare la cultura? Un poveraccio qualunque, un “don” di media tacca (ma a Partinico importante) aggredisce, minaccia, fa tutto il suo onesto lavoro di boss mafioso e non conclude un tubo: Telejato continua a trasmettere e il maledetto […]
Giustizia & Impunità - 6 aprile 2012

Tradizioni siciliane
(e non)

La Sicilia per tradizione è governata da mafiosi o da interlocutori di mafiosi, regolarmente eletti dal popolo siciliano. Il presidente attuale non poteva sottrarsi a tale tradizione. Come sarà il prossimo presidente? Probabilmente analogo, perché: – i mafiosi e i loro amici sono uniti e perfettamente organizzati, hanno un Sistema; – gli antimafiosi sono divisi […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×