/ di

Marco Travaglio Marco Travaglio

Marco Travaglio

Direttore de Il Fatto Quotidiano e scrittore

Marco Travaglio ha lavorato con Indro Montanelli, prima a «il Giornale» e poi a «La Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L’Indipendente», «Il Borghese», «la Repubblica» e «l’Unità». Oggi, oltre a collaborare con «l’Espresso», «MicroMega», «A» e con Servizio pubblico di Michele Santoro, è direttore de «il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009.

Dopo il successo di Promemoria, Anestesia totale, E’ Stato la mafia, Slurp – Lecchini, Cortigiani & Penne alla Bava, è in scena nei teatri italiani con Perché No, insieme a Giorgia Salari.

È autore di molti libri di successo, tra i quali: L’odore dei soldi (con Elio Veltri, Editori Riuniti 2001), Regime (con Peter Gomez, Rizzoli-Bur 2004), Per chi suona la banana (Garzanti 2008), Colti sul fatto (Garzanti 2010). Per Chiarelettere ha pubblicato: “Mani sporche” (con Pter Gomez e Gianni Barbacetto, 2007), “Se li conosci li eviti” (con Peter Gomez, 2008), “Il bavaglio” (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), “Italia Annozero“, (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), “Papi. Uno scandalo politico“, (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), “Ad personam” (2010), Silenzio, si ruba (dvd+libro, 2011), “Mani pulite. La vera storia vent’anni dopo” (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2012), “BerlusMonti(Garzanti, 2012), “L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi” (con Pino Corrias e Renato Pezzini, Milano, Chiarelettere, 2012), “Viva il Re!(Chiarelettere, 2013), “È Stato la mafia (Chiarelettere, 2014), “Slurp. Dizionario delle lingue italiane” (Chiarelettere, 2015), “Perché NO” (Paper FIRST, 2016),

Articoli Premium di Marco Travaglio

Editoriale - 10 ottobre 2018

L’Armata Brancaleone

Quando vai alla guerra, prima studi il nemico, poi ti guardi intorno in cerca di alleati, infine prepari le armi più efficaci per vincere. Oppure ti vedi L’Armata Brancaleone e poi fai il contrario. Ora, non c’è dubbio che il governo giallo-verde abbia deciso di andare alla guerra contro tutti i poteri, nazionali e internazionali, […]
Editoriale - 9 ottobre 2018

La differenza

Hanno scritto di un’intercettazione fra Rosario Crocetta che taceva divertito mentre un amico medico auspicava l’assassinio di Lucia Borsellino come quello del padre Paolo, e non era vero. Hanno scritto di troll russi dietro la campagna web contro Mattarella, e non era vero. Hanno scritto che il capitano del Noe Gianpaolo Scafarto, nel caso Consip, […]
Ma mi faccia il piacere - 8 ottobre 2018

Ma mi faccia il piacere

Lui. “Tanti nemici tanto onore”, “Chi si ferma è perduto!”, “Me ne frego!” (Matteo Salvini, segretario della Lega, vicepremier e ministro dell’Interno, 29.7, 2.8 e 29.9). Ma questo chi si crede di essere? Poveri ragazzi. “Quando la domenica sera scopri che dovevano fare: ricerca con foto (stampante rotta) su Carlo Magno, Inglese, Matematica e ti […]
Editoriale - 7 ottobre 2018

Abolition Man

Come volevasi dimostrare, il pregiudizio universale che accompagna il governo Conte da prim’ancora che nascesse sta diventando un gigantesco e comodissimo alibi per tutte le boiate che fanno e le fesserie che dicono i ministri giallo-verdi. I quali, non potendone dare la colpa alle opposizioni (per manifesta inesistenza delle medesime), hanno buon gioco ad addossarla […]
Editoriale - 6 ottobre 2018

I vicecommissari

Non bastando i commissari europei che alzano la voce, i toni, le soglie, lo spread e ogni tanto il gomito, sui giornaloni nostrani proliferano i vicecommissari, sempre tesi alla stabilità, alla moderazione, ai conti in ordine, ai valori dell’Occidente, ai parametri sul debito e sul deficit. Parlano di Maastricht come della mamma: chi offende Maastricht […]
Editoriale - 5 ottobre 2018

Temptation Railand

Si spera che i nuovi vertici Rai stiano filmando con telecamere nascoste in ogni angolo la nuova corsa alle poltrone. Altro che Grande Fratello Vip o Temptation Island: è questo il reality (talent è una parola grossa) del momento. Ai blocchi di partenza si sfidano quattro categorie di concorrenti. 1) I leghisti doc, i più […]
Editoriale - 4 ottobre 2018

Sallusti, che fare?

Lo sconfinato affetto che nutrivamo per Alessandro Sallusti si sta tramutando, giorno dopo giorno, in autentica idolatria. Mista a un pizzico di compassione. Mettetevi nei suoi panni: dopo anni di onorato servizio, nel vero senso della parola, gli tocca improvvisare. Per mancanza di ordini. Prima era tutto semplice: il padrone dettava e lui scriveva, tipo […]
Editoriale - 3 ottobre 2018

I gonzi di Riace

Domenico Lucano, il sindaco ribelle di Riace da ieri agli arresti domiciliari per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta rifiuti, è un fuorilegge onesto. Pare un ossimoro, ma è proprio così: fuorilegge, perché è lui stesso a definirsi orgogliosamente così nelle sue conversazioni intercettate; onesto, perché anche il gip che […]
Editoriale - 2 ottobre 2018

Mangino brioche

Da profano assoluto, mi faccio una cultura appuntandomi tutto quel che si dice e si scrive sul reddito di cittadinanza. 1. “Meglio spendere soldi per creare lavoro che darli a chi non ne ha uno”. Bellissima frase. Purtroppo la sentiamo ripetere da anni, da tutti i governi che spendevano miliardi per creare lavoro e regolarmente […]
Ma mi faccia il piacere - 1 ottobre 2018

Ma mi faccia il piacere

Abolix. “Con la pensione di cittadinanza e il reddito di cittadinanza che introdurremo in questa legge di bilancio avremo abolito la povertà” (Luigi Di Maio, M5S, ministro del Lavoro e Sviluppo, Porta a Porta, Rai1, 25.9). Per l’abolizione delle cazzate, ci stiamo lavorando. Corpo a corpo. “Senatore Renzi, un giudizio sulla manovra”, “Qualcuno paragona il […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×