/ di

Marco Travaglio Marco Travaglio

Marco Travaglio

Direttore de Il Fatto Quotidiano e scrittore

Marco Travaglio ha lavorato con Indro Montanelli, prima a «il Giornale» e poi a «La Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L’Indipendente», «Il Borghese», «la Repubblica» e «l’Unità». Oggi, oltre a collaborare con «l’Espresso», «MicroMega», «A» e con Servizio pubblico di Michele Santoro, è direttore de «il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009.

Dopo il successo di Promemoria, Anestesia totale, E’ Stato la mafia, Slurp – Lecchini, Cortigiani & Penne alla Bava, è in scena nei teatri italiani con Perché No, insieme a Giorgia Salari.

È autore di molti libri di successo, tra i quali: L’odore dei soldi (con Elio Veltri, Editori Riuniti 2001), Regime (con Peter Gomez, Rizzoli-Bur 2004), Per chi suona la banana (Garzanti 2008), Colti sul fatto (Garzanti 2010). Per Chiarelettere ha pubblicato: “Mani sporche” (con Pter Gomez e Gianni Barbacetto, 2007), “Se li conosci li eviti” (con Peter Gomez, 2008), “Il bavaglio” (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), “Italia Annozero“, (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), “Papi. Uno scandalo politico“, (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), “Ad personam” (2010), Silenzio, si ruba (dvd+libro, 2011), “Mani pulite. La vera storia vent’anni dopo” (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2012), “BerlusMonti(Garzanti, 2012), “L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi” (con Pino Corrias e Renato Pezzini, Milano, Chiarelettere, 2012), “Viva il Re!(Chiarelettere, 2013), “È Stato la mafia (Chiarelettere, 2014), “Slurp. Dizionario delle lingue italiane” (Chiarelettere, 2015), “Perché NO” (Paper FIRST, 2016),

Articoli Premium di Marco Travaglio

Italia - 12 luglio 2018

La Repubblica delle stragi: il libro che fa luce nel tunnel di eccidi e trattative lunghe 40 anni

Quando ho visto le firme degli autori di questo libro, mi son detto: ecco quello che avrebbe dovuto fare la magistratura e non ha mai fatto: mettere intorno a un tavolo (quello per esempio, della Procura nazionale antimafia, che a questo dovrebbe servire) gli investigatori e i Pm esperti delle stragi e delle trattative succedutesi […]
Editoriale - 12 luglio 2018

I ministri Salvini

La notizia che Matteo Salvini ha spiccato un mandato di cattura, a carico dei migranti ammutinati sul rimorchiatore Vos Thalassa prima di essere trasbordati su una nave della Guardia costiera italiana non può che riempire di entusiasmo chi riteneva sprecato il Cazzaro Verde negli angusti panni di segretario della Lega, vicepresidente del Consiglio, ministro degli […]
Editoriale - 11 luglio 2018

Propaganda Live

Siccome non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire né peggior cieco di chi non vuol vedere, Diego Bianchi in arte Zoro prende mezza frase dal mio articolo piuttosto lungo di ieri sui migranti per segnalarmi alla corte di rottweiler che popolano il suo profilo Twitter. I quali – senz’aver letto una riga del […]
Editoriale - 10 luglio 2018

Sotto la maglietta

Fra i testimonial in maglietta rossa della campagna lanciata da don Luigi Ciotti, trovo decine di amici che hanno partecipato a tante battaglie del Fatto. E, se hanno aderito all’appello per non dimenticare – come scrive il fondatore del Gruppo Abele e di Libera – “il colore dei vestiti e delle magliette dei bambini che […]
Ma mi faccia il piacere - 9 luglio 2018

Ma mi faccia il piacere

L’economista di riferimento. “Tutti in tv si chiedono dove troverà questo governo i soldi per mantenere le promesse elettorali. Basterebbe che il precedente governo gentilmente svelasse dove ha preso tutti quei miliardi per salvare le banche…” (Jerry Calà, Twitter, 5.7). “Libidine, doppia libidine, libidine coi fiocchi!” (Luigi Di Maio, capo politico M5S, vicepremier e ministro […]
Editoriale - 8 luglio 2018

Correnti (d’aria)

Si pensava che, fra i due contraenti del patto di governo giallo-verde, i più predisposti alla cazzata e all’autogol fossero i 5Stelle, che non hanno mai governato. Viceversa la Lega l’ha fatto già tre volte su scala nazionale e molte di più nelle regioni del Nord, essendo il partito più anziano su piazza, fin troppo […]
Editoriale - 7 luglio 2018

Peli superflui

Leggo sempre Michele Serra, perché siamo un po’ amici e perché lo trovo intelligente anche quando non lo condivido. Cioè quasi sempre, specialmente nell’ultima fase depresso-bartaliana (è tutto sbagliato, è tutto da rifare). Ieri Serra ha ricordato sul Venerdì qual era la sua posizione, tanto sacrosanta quanto solitaria in casa Repubblica, dopo il 4 marzo: […]
Editoriale - 6 luglio 2018

Carroccio al cartoccio

Le indagini politiche, i processi politici e le sentenze politiche non esistono, dunque la Lega di Salvini ha torto marcio quando le evoca sull’ordinanza della Cassazione che ha disposto la confisca di tutti i soldi presenti e futuri in tutti i conti riferibili al Carroccio, fino a recuperare i 49,9 milioni di euro rubati o […]
Editoriale - 5 luglio 2018

Camicie rosso-nere

Come direbbe il nostro guru preferito, Quelo, c’è grossa crisi nel Giornale Unico dell’Apocalisse. Un mese fa, le mejo penne del bigoncio ci avevano raccontato che stava nascendo un “governo di destra” con “programma di destra”, “atteggiamenti di destra”, “natura dichiaratamente di destra”, “laboratorio pratico della nuova destra sovranista e antieuropea” (Claudio Tito, Repubblica), “un’ideologia […]
Editoriale - 4 luglio 2018

É saltato il tappo

In due mesi e mezzo, due sentenze di Corte d’Assise – Palermo sulla Trattativa e Caltanissetta nel Borsellino-quater – hanno clamorosamente riaperto un capitolo che qualcuno temeva e qualcun altro sperava definitivamente chiuso: quello dei mandanti esterni delle stragi del 1992 che costarono la vita fra Capaci e via d’Amelio a Falcone, a Borsellino e […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×