/ di

Marco Lillo Marco Lillo

Marco Lillo

Giornalista e scrittore

Sono nato a Roma nel 1969. Ho scritto “Il Bavaglio” nel 2008 e “Papi” nel 2009, entrambi con Gomez e Travaglio per Chiare Lettere, e “Reperto Raiot”  (venduto con il dvd di Sabina Guzzanti) per Bur. Con Udo Gumpel ho  realizzato nel 2010 il dvd “Sotto scacco”, allegato al Fatto Quotidiano, sui rapporti tra mafia e politica, da Capaci al processo Dell’Utri. Nel 2009 mi è stato assegnato il Premio Borsellino. Oggi potevo essere un avvocato tributarista ma nel 1994 ho lasciato lo studio associato dove lavoravo per ripartire dalla scuola di giornalismo. Mi piaceva l’idea di raccontare il mondo. Poi ho scoperto che il mondo è peggiore di come mi era stato raccontato e sono diventato un giornalista investigativo. Dopo 9 anni a L’Espresso nell’estate del 2009 ho cambiato ancora per partecipare alla fondazione del Fatto Quotidiano. In via Orazio c’era una stanza vuota. Grazie ai lettori oggi c’è un grande giornale.

Articoli Premium di Marco Lillo

Italia - 26 luglio 2017

Romeo, i dubbi della Cassazione sul trojan

L’utilizzabilità delle intercettazioni nei confronti dell’imprenditore napoletano Alfredo Romeo e dell’ex manager della Consip Marco Gasparri scricchiola dopo la sentenza della Cassazione depositata ieri. E scricchiola anche l’indagine su Tiziano Renzi e Carlo Russo. Il perché è presto detto: se le intercettazioni delle conversazioni captate mediante il virus spia iniettato nei telefonini di Romeo per […]
Italia - 22 luglio 2017

Consip, ecco le pressioni di Bianchi sul post-sisma

L’avvocato Alberto Bianchi è uno strano tipo. Di lui si fida ciecamente Matteo Renzi al punto da affidargli la presidenza della Fondazione Open, la cassaforte dei renziani che ha raccolto 3,2 milioni dal 2012. Di lui si fida la Consip che gli ha affidato – secondo il Noe – ben 392mila euro di consulenze solo […]
Cronaca - 21 luglio 2017

Mafia capitale, il caso Odevaine: condanna triplicata rispetto alle richieste dell’accusa. “E ho ammesso le tangenti”

Odevaine all’uscita dall’aula bunker di Rebibbia sembra un pugile che pensava di incontrare un peso piuma ed è stato travolto da un peso massimo. L’ex vicecapo di gabinetto di Walter Veltroni ai tempi in cui era sindaco e poi componente autorevole del tavolo di coordinamento per l’emergenza immigrati al Ministero dell’Interno, era alla sbarra per […]
Italia - 19 luglio 2017

Consip, Romeo disse al facilitatore: “Tiziano mi ricorda Matteo”

Alfredo Romeo in una conversazione intercettata dal Noe dei Carabinieri e finora inedita sembra dire che ha conosciuto Tiziano Renzi e che lo trova molto simile nel carattere al figlio Matteo. Il Babbo, secondo l’imprenditore napoletano, sarebbe un Matteo Renzi all’ennesima potenza. Questo ritratto psicologico dei due Renzi ovviamente lascerebbe il tempo che trova se […]
Commenti - 15 luglio 2017

Avanti, tutti gli omissis del libro di Matteo Renzi

La versione di Renzi non prevede la parola Consip. Come Fonzie, l’eroe degli Happy Days di Matteo, non riusciva a dire “scusa”, così il leader del Pd non ce la fa a citare nel suo libro la società che tanti problemi ha creato non solo a lui ma agli italiani. Bisogna capirlo. Se Renzi nel […]
Cronaca - 28 giugno 2017

“La Procura sbaglia: il magistrato e Federica non sono le mie fonti”

La Procura di Roma ha preso un grosso brutto granchio. Federica Sciarelli, una collega che stimo e della quale mi onoro di essere amico, è stata indagata per rivelazione di segreto in concorso con il magistrato Henry John Woodcock, per la fuga di notizie realizzata con il mio articolo sul Fatto che rivelava l’inchiesta Consip […]
Cronaca - 24 giugno 2017

Il giudice e gli avvocati: tre sentenze finiscono nell’inchiesta romana

Le tre sentenze sono tutte del 20 ottobre 2015. Il presidente della quarta sezione del Consiglio di Stato era sempre Riccardo Virgilio. Le ha firmate con quattro colleghi e poi è andato in pensione. Quelle tre sentenze hanno avuto un effetto importante a favore dell’imprenditore piemontese Ezio Bigotti, spesso difeso dall’avvocato Piero Amara di Siracusa. […]
Italia - 23 giugno 2017

Raggi, ecco accuse e difese: gli addebiti e le difese dell’indagata. Che fine può fare la sindaca

Ora che il verbale di interrogatorio della sindaca Virginia Raggi del 2 febbraio 2017 è stato pubblicato dal Fatto si può provare ad analizzare l’accusa e la difesa, almeno su uno dei due capi di imputazione contestati: il falso per le dichiarazioni fatte dalla sindaca alla dirigente dell’Anticorruzione del Comune sulla partecipazione di Raffaele Marra […]
Cronaca - 13 giugno 2017

“Il senatore D’Alì(a) è legato al latitante e ci aiuta sul 41 bis”

C’è una conversazione in carcere nella quale Giuseppe Graviano, detto Madre natura, parla di un senatore “D’Alìa” di Trapani che sarebbe strettamente legato a un latitante “che stanno cercando”. Gli investigatori, al di là della trascrizione letterale, ritengono che il boss di Brancaccio stia parlando di un presunto rapporto tra il super-latitante Matteo Messina Denaro […]
Commenti - 9 giugno 2017

Consip: se Scafarto ha manipolato, deve pagare

Non sono ancora depositate le nuove carte dell’accusa contro il capitano del Noe Gianpaolo Scafarto. Sulla base delle fonti disponibili abbiamo ricostruito il contenuto della chat scambiata da Scafarto il 3 gennaio del 2017 con il vicebrigadiere Remo Reale. Dopo avere ascoltato l’audio della conversazione tra Alfredo Romeo e Italo Bocchino, Reale scrisse al capitano […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×