/ di

Lorenzo Mazzoni Lorenzo Mazzoni

Lorenzo Mazzoni

Scrittore

Sono nato a Ferrara nel 1974. Ho abitato a Londra, Istanbul, Parigi, Sana’a, Hurghada e ha soggiornato per lunghi periodi in Marocco, Vietnam e Laos. Scrittore, saggista e reporter ho pubblicato numerosi romanzi, fra cui Il requiem di Valle Secca (Tracce, 2006; finalista al Premio Rhegium Julii), Le bestie/Kinshasa Serenade (Momentum Edizioni, 2011), Apologia di uomini inutili (Edizioni La Gru, 2013). Sono il creatore dell’ispettore Pietro Malatesta, protagonista dei noir (illustrati da Andrea Amaducci ed editi da Koi Press) Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico (2011), La Tremarella (2012), Termodistruzione di un koala (2013), Italiani brutta gente (2014), Il giorno in cui la Spal vinceva a Renate (2015). Diversi miei reportage e racconti sono apparsi su il manifesto, Il Reportage, East Journal, Scoprire Istanbul, Reporter e Torno Giovedì. Sono docente di scrittura narrativa di Corsi Corsari. Il mio ultimo romanzo, Quando le chitarre facevano l’amore (2015; Premio Liberi di Scrivere Award), è stato pubblicato da Edizioni Spartaco. Nel 2015, insieme al fotografo Tommy Graziani, ho fondato IbnBattuta.viaggi, un contenitore culturale di esperienze umane che promuove workshop di scrittura, reportage e fotografia in giro per il mondo.

Blog di Lorenzo Mazzoni

Cultura - 17 maggio 2015

‘La rivoluzione della verità’, un viaggio nell’Afghanistan contemporaneo

Un significativo reportage scritto e fotografato nel tipico stile del new journalism. Immediato, veloce, d’impatto, senza sconti. Si tratta di La rivoluzione della verità, testi di Silvestro Pascarella e fotografie di Davide Caforio (Edizioni dEste), un affascinante viaggio nell’Afghanistan contemporaneo, un diario di momenti di vita, di incontri e di impressioni personali, corredato da splendide […]
Cultura - 12 maggio 2015

Il ‘Manifesto del comunista dandy’ di Francesco Forlani

“Che cosa fare per diventare comunisti dandy? Sempre ammesso che si possa fare qualcosa per diventarlo. E, se è vero che i comunisti dandy mangiano solo bambini eleganti, cosa mangerà mai un bambino comunista dandy? Di certo non gli omogeneizzati. Il comunista dandy si sposa? E la comunista dandy? Perché quando va in albergo il […]
Cultura - 4 maggio 2015

‘La frontiera dei cani’, il reportage dalla Ddr di Marie-Luise Scherer

Nella zona vietata, sul lato est del confine che per quarant’anni ha separato i tedeschi dai tedeschi, c’erano duecentonovantasette villaggi. La zona chiusa tra i due blocchi era larga cinque chilometri, in un certo senso era il braccio di isolamento della Ddr, una nazione ermeticamente chiusa. Solo chi risultava politicamente affidabile, poteva rimanere in quella […]
Cultura - 30 aprile 2015

Libri: dentro le traiettorie di Bianchi, la scrittura del corpo di Palomba, la lampada di Curtis

“C’era una bottiglia di spumante bevuta/nella fontana a fianco del binario/Per dissetare gli ultimi/i detriti nella gioia/di un addio“. Non mi occupo spesso di poesia, ma è difficile non rimanere colpiti dalla suggestiva raccolta La metà del letto di Matteo Bianchi (Barbera Editore). Un corpus di cento intense poesie, orchestrate in otto sezioni con una presentazione […]
Cultura - 25 aprile 2015

25 aprile: ‘Voci partigiane’. Storie all’ombra della linea gotica

“Le gambe della Lisetta traballavano, esili e stanche per il peso del grembo rotondo. Scorsero la postazione che stava oltre un muro gigantesco di sambuchi, castagni e vétiche e per un attimo si arrestarono in silenzio. Lei piangeva. Il Lupo, invece, col muso bruciato dal freddo e il fiato bianco gelato sulla lunga barba irsuta, […]
Cultura - 20 aprile 2015

‘Equatoria’ di Patrick Deville: una straordinaria esplorazione nella storia africana

“Ed ecco come, dopo mesi di viaggi erratici, dopo aver navigato sul fiume Ogooué, bighellonato in Angola e São Tomé, attraversato gli altipiani Batéké, mi sono ritrovato, il 3 ottobre 2006, a Brazza sopra il feretro di Brazza, una bara tutta nuova Fabriqué par EGPFC-Wilaya d’Alger, in compagnia del presidente della Repubblica gabonese Omar Bongo […]
Cultura - 13 aprile 2015

‘I giusti nel tempo del male’, Svetlana Broz e le testimonianze del conflitto bosniaco

Nel corso di un lungo inverno di guerra, Svetlana Broz ha percorso settemilacinquecento chilometri sulle strade gelate della Republika Srpska in cerca di testimonianze. Il suo scopo era quello di trovare, nell’inferno del macello della ex Jugoslavia, persone oneste e generose, le persone di cui nessuno parla mai, eroi anonimi di cui i governi non […]
Cultura - 7 aprile 2015

‘Molto prima del calcio di rigore’, di Gian Luca Campagna: un’estetica della provincia calcistica

La partita comincia con un minuto di raccoglimento per commemorare le vittime del mare. A Lampedusa, intanto, il mare è ancora grosso, risulta difficile per chiunque recuperare quei corpi vivi e morti della carretta che si è rovesciata. Sulla terraferma è scambio di opinioni tra Letta, Barroso e le autorità isolane: alla fine le istituzioni […]
Cultura - 2 aprile 2015

‘Metropoli’, di Massimiliano Santarossa: il monito per il futuro che non vorremmo

Pensò di raggiungerla, fermarla, parlarle, e chiederle di mangiare ancora assieme, come lei aveva chiesto a lui, molti giorni prima. Mangiare, sì, mangiare guardandosi, mangiare peccando, mangiare come esseri vivi. Si dimenticò della pioggia, del cielo violento, dell’ombra nata dalla pietra verticale, del freddo che lo tagliava. Il cappotto della donna ondeggiava sopra il cemento […]
Cultura - 23 marzo 2015

‘Il Grande Califfato’ di Domenico Quirico: il cuore di tenebra del fondamentalismo islamico

‘Nel loro destino c’è stato, qui, tra noi, uno strappo. Sono purtroppo figli delle nostre omissioni, delle nostre ipocrisie, della nostra viltà. Ci tendono questo specchio dal fondo delle loro tragedie, e ci vediamo riflesso il nostro viso (…)Un viaggio nelle terre che stanno per cadere nelle mani del califfato è un’esperienza assolutamente unica, che […]
Salone del libro 2015, il giorno di Carrére. Grandi eventi e piccoli editori: ecco cosa fare
Roberto Saviano ai detenuti, “Non c’è nulla di più pericoloso della lettura”. E si scatena il dibattito

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×