/ di

Leonardo Coen Leonardo Coen

Leonardo Coen

Giornalista e scrittore

Leonardo Coen, milanese e milanista (non berlusconiano), è tra i fondatori di Repubblica, dopo avere avuto esperienze significative all’Avvenire e al Giorno e avere partecipato alla fondazione del Quotidiano dei Lavoratori. A Repubblica ha alternato l’attività di giornalista politico, cronista, inviato di guerra, giornalista sportivo (ha raccontato quindici Olimpiadi, diciassette Giri d’Italia, alcuni Tour de France, etc.).

Dopo esperienze a Gerusalemme, New York e Londra, è stato corrispondente a Mosca. Ha pubblicato “La morte del maestro: i misteri di casa Guttuso” (1987) e “Il caso Marcinkus” (1991) scritti con Leo Sisti; “Piedi Puliti” (1998) insieme a Peter Gomez e Leo Sisti; “Rossoneri comunque” (2003) e “Putingrad”(2008).

Per Dalai editore ha pubblicato “L’ultima fuga” con Renato Vallanzasca e “Sodoma” (2011) scritto con Paolo Colonnello. Su repubblica.it tiene il blog Blog Trotter, uno dei primissimi generati da un quotidiano italiano.

Articoli Premium di Leonardo Coen

Società - 31 luglio 2017

Anche Milano ha le sue brutture, passa la voglia di mangiarlo

“Milano, città civile. Un’inchiesta statistica e igienica dell’Ufficio del lavoro della Società Umanitaria stabiliva che su oltre 600 panifici, 19 si trovano al di sotto del livello stradale con poca aerazione. Spesso ricevono l’aria da cortili interni, a volte molto angusti e non sempre liberi da sostanze residuarie (scopature, ecc.) in putrefazione; quando poi ricevono […]
Mondo - 31 luglio 2017

Fermi tutti, l’Apocalisse non è ancora arrivata

Le prime avvisaglie di quella che l’establishment internazionale temeva potesse trasformarsi in una sconvolgente apocalisse politica che avrebbe definitivamente rovesciato gli equilibri mondiali si ebbero in Francia, all’inizio dell’inverno 2015: Marine Le Pen, leader del Front National, partito dell’estrema destra xenofoba e antieuropea, si apprestava a una clamorosa vittoria nelle elezioni regionali. Il pericolo fu […]
Commenti - 29 luglio 2017

Bettiza, l’uomo che ci spiegò l’Urss

Enzo Bettiza aveva appena compiuto novant’anni, il 7 giugno. Ha vissuto tante vite, e molte le ha raccontate. La più intensa, quella del profugo dalmata, che raccontò in alcuni splendidi libri, negli ultimi vent’anni. Quando sbarcò in Italia, nel 1945, l’inizio fu duro assai: “I comunisti di Tito avevano spogliato la mia famiglia di tutto. […]
Mondo - 27 luglio 2017

Grosso guaio a Tripoli: il presidente e gli alleati riluttanti al “cessate il fuoco”

Quanto l’intesa di Parigi – orchestrata da un Emmanuel Macron in format Napoléon-Jupiter – sia fragile, lo dimostra la tappa romana di ieri di Fayez al-Serraj, presidente del Governo di Accordo Nazionale Libico (GNA), insediato a Tripoli grazie all’appoggio di Onu e Ue: è arrivato ieri mattina in Italia senza la “controparte” dell’accordo, ossia l’uomo […]
Mondo - 25 luglio 2017

Riforma della Corte Suprema, la giustizia è un tiro di Duda

“Non serve una riforma così profonda”: questo il coraggioso epitaffio che ha giustificato il veto del presidente polacco Andrzej Duda: “Ho deciso di rinviare al Parlamento la legge sulla Corte Suprema e quella sul Consiglio giudiziario nazionale – ha dichiarato alla tv – questa legge non rafforzerebbe il senso di giustizia nella società. Il sistema […]
Cronaca - 23 luglio 2017

Macron “adotta” Haftar con tanti saluti ad Alfano

Dopo le minacce di Vienna sul Brennero e l’indigesta lettera dei Quattro di Visegrad a Gentiloni (con la postilla radiofonica di Viktor Orbán che ricatta l’Italia: o chiudete i porti, o fate quel che vi diciamo di fare), ecco l’ultimo oltraggio diplomatico, stavolta perpetrato da Emmanuel Macron: martedì prossimo 25 luglio il dinamico capo dell’Eliseo […]
Mondo - 22 luglio 2017

“Diritto e giustizia” per pochi: la Polonia prende a pugni l’Ue

Povera Unione Europea! Scampato il pericolo Le Pen, ridimensionato lo choc Brexit, rintuzzato lo spettro di un presidente populista in Austria e respinto il temuto islamofobo Geert Wilders in Olanda, Bruxelles deve affrontare la crisi più insidiosa e letale degli ultimi anni: la deriva nazionalconservatrice della Polonia. Venerdì, infatti, il Sejm – la camera bassa […]
Politica - 22 luglio 2017

Migranti, Orbán detta condizioni: “Chiudete i porti”

Succede che l’ipernazionalista premier ungherese Viktor Orbán dichiari, in un’intervista a radio Kossuth (prontamente riportata nel sito del governo), quel che “deve” fare l’Italia per arginare l’immigrazione: “Chiudere i suoi porti”, poiché Austria e Germania “hanno avuto abbastanza”. Non solo. Ci ricatta: “Altrimenti a Roma non resta che una sola alternativa”. Quale? “Accettare l’assistenza offerta […]
Sport - 21 luglio 2017

Aru si arrende sull’Izoard. Froome ormai vede Parigi

Fabio Aru pedala nella pancia del gruppo, quasi a mimetizzarsi. Davanti, s’intravede la gola che porta al Col du Vars, anticamera spossante del lunare Izoard. Il totem delle Alpi ciclistiche. Qui, per la prima volta in 114 anni, il Tour arriva in cima, a 2362 metri, e lassù si ferma: la diciottesima tappa finisce tra […]
Sport - 20 luglio 2017

Il mostro-Galibier non perdona Aru abbandona il sogno giallo

Alle 16 e 54, sulla mitica infinita salita del Col du Galibier, il povero Fabio Aru paga pegno. Abbandona i sogni di gloria. Si arrende. Ha sempre corso da solo, unico dei migliori a non avere al suo fianco nei momenti che contano almeno un compagno. L’Astana ha risparmiato sui corridori. L’ha abbandonato al suo […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×