/ di

Leonardo Coen Leonardo Coen

Leonardo Coen

Giornalista e scrittore

Leonardo Coen, milanese e milanista (non berlusconiano), è tra i fondatori di Repubblica, dopo avere avuto esperienze significative all’Avvenire e al Giorno e avere partecipato alla fondazione del Quotidiano dei Lavoratori. A Repubblica ha alternato l’attività di giornalista politico, cronista, inviato di guerra, giornalista sportivo (ha raccontato quindici Olimpiadi, diciassette Giri d’Italia, alcuni Tour de France, etc.).

Dopo esperienze a Gerusalemme, New York e Londra, è stato corrispondente a Mosca. Ha pubblicato “La morte del maestro: i misteri di casa Guttuso” (1987) e “Il caso Marcinkus” (1991) scritti con Leo Sisti; “Piedi Puliti” (1998) insieme a Peter Gomez e Leo Sisti; “Rossoneri comunque” (2003) e “Putingrad”(2008).

Per Dalai editore ha pubblicato “L’ultima fuga” con Renato Vallanzasca e “Sodoma” (2011) scritto con Paolo Colonnello. Su repubblica.it tiene il blog Blog Trotter, uno dei primissimi generati da un quotidiano italiano.

Articoli Premium di Leonardo Coen

Mondo - 29 agosto 2017

Macron da record: nessuno più impopolare in tre mesi

“Ho la convinzione feroce che noi possiamo osare l’avvenire”, ha scritto Emmanuel Macron nel suo saggio intitolato Rèvolution (pubblicato lo scorso novembre): l’avvenire, l’ha ripetuto in ogni comizio, è al centro del suo programma, “dobbiamo averne il gusto”, insomma, è una professione di fede, un incantesimo politico che potrebbe trasformarsi in realtà e in vantaggio […]
Società - 28 agosto 2017

La santa app degli automobilisti digitali contro i pericoli moderni

Per chissà quali rimbalzi mail, mi è planato l’indirizzo di un video postato su YouTube. S’intitola “Santinosafetysystem”. Lo promuove un gruppo assicurativo francese con filiale in Italia. Dietro, i guru dell’agenzia Saatchi&Saatchi di Londra. Hanno creato il santino per gli automobilisti digitali, spauracchio del guidatore cellular-dipendente. Santinosafetysystem, infatti, ha l’ambizione di proteggerci dalla distrazione (di […]
Commenti - 28 agosto 2017

Terzo profugo suicida a Milano: ha conquistato così lo Ius soli

Amini Najee Buuam aveva 34 anni, era nato il 3 febbraio del 1983. Scappava dai talebani, dalla guerra in Afghanistan, dalla miseria, dalla fame. Voleva raggiungere qualcuno in Austria, o in Germania, amici, forse parenti, chissà: non lo sappiamo, non lo sapremo probabilmente mai. Invece, il 4 agosto, gli austriaci, in base ai famigerati accordi […]
Mondo - 25 agosto 2017

Faciloneria e silenzi: i flop antiterrorismo da Barcellona alla Ue

Cosa insegna l’attentato delle Ramblas? Che per prevenire e combattere efficacemente il terrorismo, bisogna disporre di informazioni aggiornate e condivise: altrimenti si finisce per litigare, vedi il clamoroso caso della Guardia Civil spagnola e dei Mosso d’Esquadra catalani. Un esempio? Le lacune sui movimenti di Abdelbaki Es Satty, l’iman radicale di Ripoll capo della cellula […]
Cronaca - 24 agosto 2017

Gli hacker russi: medicine ai Mondiali per Tevez & C.

Udite! Udite! Nuovo furto informatico che sputtana ancora una volta lo sport (peraltro specchio della società contemporanea): dopo l’atletica, dopo il ciclismo, dopo la ginnastica, stavolta, nel mirino dei cattivoni hacker russi è finito l’intoccabile calcio. Una profanazione! Si attendono proteste vigorose. Smentite piccate. Accuse agli spioni del web: sono l’arma impropria dei servizi russi! […]
Mondo - 22 agosto 2017

L’autista e la falsa cintura. Fine della fuga per Younes

C’è poco da esultare – in senso investigativo, s’intende – per la morte del fuggitivo Younes Abouyaaquoub, il killer delle Ramblas, abbattuto ieri pomeriggio alle 16 e 30 dai Mossos D’Esquadra (la polizia catalana), dopo essere stato intercettato sulla carretera commerciale C-243b, ai confini del territorio municipale di Subirats, una cinquantina di chilometri a nord-est […]
Mondo - 20 agosto 2017

Re, spie e repressioni nell’incubatore del nuovo jihadismo

Da Barcellona a Casablanca: il tragitto dei pendolari jihadisti? È più che un sospetto. I fratelli Moussa e Driss Oukabir sono andati spesso in Marocco: l’ultima volta, sono rientrati a Ripoll lunedì scorso, ossia pochi giorni prima del massacro sulle Ramblas. La famiglia è originaria di Béni Mellal, capoluogo del Béni Mellal-Khenifra: una regione al centro […]
Mondo - 19 agosto 2017

La strage annunciata che la Catalogna ha voluto ignorare

Poteva essere evitato il massacro delle Ramblas? Come è riuscito il furgone Fiat a eludere la sorveglianza delle pattuglie che di solito sorvegliano la lunga arteria di Barcellona – potenziale obiettivo del terrore islamico – e a procedere per oltre 600 metri nella zona pedonale a zig zag? Soprattutto, possibile che l’autista (e un eventuale […]
Mondo - 18 agosto 2017

Il mito delle Ramblas, da porta della nuova Spagna a eccesso pop

Il terrorista venuto da Marsiglia sapeva benissimo che colpire la Rambla è colpire il cuore turistico di Barcellona, la “cartolina” più popolare, il marchio di fabbrica di una città plurale: perché la Rambla è il suo insostituibile “specchio” brulicante di vita e di socialità, di incontro e di movida, di attività creatrice e di trasgressioni […]
Società - 14 agosto 2017

Sapessi com’era strano a Milano innamorarsi a Ferragosto

Negli anni dell’euforia consumistica e dei colossali esodi estivi, quando ancora non esistevano le “partenze intelligenti”, la massima libidine – raffinatezza, in fondo, da due soldi – era restare a Milano a Ferragosto, quando non c’era più nessuno e il silenzio avvolgeva la città in un’atmosfera rarefatta, magica, surreale: potevi immaginare d’essere sul set di […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×