/ di

Leonardo Coen Leonardo Coen

Leonardo Coen

Giornalista e scrittore

Leonardo Coen, milanese e milanista (non berlusconiano), è tra i fondatori di Repubblica, dopo avere avuto esperienze significative all’Avvenire e al Giorno e avere partecipato alla fondazione del Quotidiano dei Lavoratori. A Repubblica ha alternato l’attività di giornalista politico, cronista, inviato di guerra, giornalista sportivo (ha raccontato quindici Olimpiadi, diciassette Giri d’Italia, alcuni Tour de France, etc.).

Dopo esperienze a Gerusalemme, New York e Londra, è stato corrispondente a Mosca. Ha pubblicato “La morte del maestro: i misteri di casa Guttuso” (1987) e “Il caso Marcinkus” (1991) scritti con Leo Sisti; “Piedi Puliti” (1998) insieme a Peter Gomez e Leo Sisti; “Rossoneri comunque” (2003) e “Putingrad”(2008).

Per Dalai editore ha pubblicato “L’ultima fuga” con Renato Vallanzasca e “Sodoma” (2011) scritto con Paolo Colonnello. Su repubblica.it tiene il blog Blog Trotter, uno dei primissimi generati da un quotidiano italiano.

Articoli Premium di Leonardo Coen

Mondo - 10 gennaio 2018

“Corteggiamento non è aggressione”

C’è stata in America la clamorosa ed appassionata notte delle women in black alla cerimonia dei Golden Globe, le attrici tutte in nero per ricordare le discriminazioni e rivendicare il coraggio nel denunciare gli abusi del potere degli uomini, “il cui tempo è scaduto” (Ophrah Winfrey). E c’è stata, ieri, in Francia, l’altrettanto clamorosa lettera […]
Mondo - 6 gennaio 2018

#ChièCharlie? Tre anni dopo la memoria perduta di Parigi

Siamo stati #jesuisCharlie! Poi, ce ne siamo dimenticati. Ebbene, restiamo “Toujours Charlie!”, cioè sempre Charlie! Lo propongono da qualche giorno sui muri di Parigi e su quelli delle stazioni metro dei manifesti di stile giacobino, graficamente retrò, politicamente quasi sessantottini: sfondo rosso, strisce blu, coccarda tricolore, slogan in bianco. Con l’invito di andare a riempire […]
Mondo - 27 dicembre 2017

Bye bye Navalny Putin si blinda. Opposizione zero

I tre giorni del Condor Navalny. Tutto comincia domenica 24 dicembre, quando, da un palchetto improvvisato sul lungo fiume della Moscova (nessuno gli ha concesso l’uso di una sala), l’avvocato-blogger Alexei Navalny, il più credibile degli oppositori di Putin, annuncia che è “fiero” di presentarsi come “candidato di tutta la Russia” alle prossime elezioni presidenziali […]
Mondo - 20 dicembre 2017

Cent’anni della premiata ditta Kgb: Putin omaggia il lato oscuro della (sua) forza

Per Vladimir Putin il 20 dicembre è la data che più lo coinvolge e lo commuove: la “festa del cekista”, cioè il giorno in cui la Russia celebra gli spioni. Per la casta degli intoccabili 007 russi, è un appuntamento in cui chi vi appartiene si riconosce. E rinsalda i legami. Prima che l’Urss crollasse, […]
Italia - 18 dicembre 2017

A Brescello sott’acqua, dove ritorna il sogno di don Camillo

Caro Enrico, qui si litiga su Babbo Natale. L’anno scorso c’era stata la guerra dei presepi. Prima ancora, quella dei pini natalizi. Quest’anno a Sovico, in Brianza, è stato spento il disegno che proiettava Santa Claus sulla facciata dell’oratorio di san Giuseppe con la slitta piena di doni trainata dalle renne. Qualcuno deve avere indottrinato […]
Mondo - 15 dicembre 2017

“Io sono la Russia, voi non siete nessuno”

Ieri, come ogni fine anno, si è consumato a Mosca il rito dell’apoteosi putiniana: la fluviale conferenza stampa (3 ore e 49 minuti) della narrazione cremliniana su come sono andate le cose del mondo e quelle della patria. Il succo? Tutto è andato per il meglio, ha detto Putin, un trionfo nelle relazioni internazionali e […]
Cronaca - 14 dicembre 2017

Prima Trump, ora i farmaci: Giro inceppato

Trump non deve amare il Giro d’Italia. E il sentimento è ricambiato da cicliste come la cinquantenne Juli Bricksman che il corteo presidenziale stava per arrotare (lei, furibonda, lo ha mandato a quel paese sollevando il dito medio, la foto ha spopolato nel web, il datore di lavoro l’ha licenziata). Donald avrebbe potuto aspettare l’8 […]
Sport - 9 dicembre 2017

1977, la vendetta di “Bonimba” ceduto al nemico

Juve-Inter è anche storia di rivalse, rese dei conti e rivincite. Non si sono mai amate, le due squadre: come del resto, non si amano molto Torino e Milano. Anzi. Nell’estate del 1976, l’anno del terremoto in Friuli, Angelo Moratti comunicò al suo centravanti Roberto Boninsegna che l’aveva ceduto alla Juve in cambio di Anastasi: […]
Cultura - 7 dicembre 2017

Addio Johnny, canaglia del rock&roll francese

Dicembre 1959, Radio Paris-Cocktail. Si presenta un giovanotto alto e bello, indossa un giubbotto di cuoio, ha occhi da tartaro così azzurri che ci si perde dentro. E una voce possente. Si chiama Jean-Philippe Smet, ha 16 anni e mezzo, canta con lo pseudonimo di Johnny Hallyday. Madre francese. Padre belga. Famiglia di artisti fin […]
Mondo - 7 dicembre 2017

Dimenticate l’Isis: il testimone del jihad alle brigate Al-Quds

Invece di assumere un atteggiamento più prudente e meno avventurista, Donald Trump procede con l’andatura di un bulldozer nel fragilissimo ed esplosivo scenario medio orientale: “È tempo di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come la capitale d’Israele”. Non lo sfiora che tale mossa possa aumentare l’instabilità di una regione, compattando per esempio i fronti – oggi divisi […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×