/ di

Leonardo Coen Leonardo Coen

Leonardo Coen

Giornalista e scrittore

Leonardo Coen, milanese e milanista (non berlusconiano), è tra i fondatori di Repubblica, dopo avere avuto esperienze significative all’Avvenire e al Giorno e avere partecipato alla fondazione del Quotidiano dei Lavoratori. A Repubblica ha alternato l’attività di giornalista politico, cronista, inviato di guerra, giornalista sportivo (ha raccontato quindici Olimpiadi, diciassette Giri d’Italia, alcuni Tour de France, etc.).

Dopo esperienze a Gerusalemme, New York e Londra, è stato corrispondente a Mosca. Ha pubblicato “La morte del maestro: i misteri di casa Guttuso” (1987) e “Il caso Marcinkus” (1991) scritti con Leo Sisti; “Piedi Puliti” (1998) insieme a Peter Gomez e Leo Sisti; “Rossoneri comunque” (2003) e “Putingrad”(2008).

Per Dalai editore ha pubblicato “L’ultima fuga” con Renato Vallanzasca e “Sodoma” (2011) scritto con Paolo Colonnello. Su repubblica.it tiene il blog Blog Trotter, uno dei primissimi generati da un quotidiano italiano.

Articoli Premium di Leonardo Coen

Sport - 19 maggio 2018

Viviani vince ancora. E oggi per la truppa c’è il temuto “Mostro”

Con furente progressione Elia Viviani ha vinto ieri a Nervesa della Battaglia la sua terza tappa in questo Giro partito da Gerusalemme ed approdato in terra di Prosecco: il campione olimpico veronese ha stritolato in volata il rivale irlandese Sem Bennett che aveva trionfato giovedì a Imola e lo tallonava nella classifica a punti. Ha […]
Mondo - 15 maggio 2018

Giro, Eurovision e turismo: vince l’offensiva del sorriso

Brand Israel, che brutto compleanno festeggiare i primi settant’anni. E pensare che si era fatto di tutto per rinfrescarle il make-up. Per cambiare l’immagine. Uno sforzo a tutto campo, su fronti inediti, con impegni inusuali. Una campagna globale, capillare, accattivante. Negli slogan. Negli eventi. Prima il Big Start del Giro d’Italia a Gerusalemme, costato l’ira […]
Commenti - 14 maggio 2018

C’è un film horror. A Pontida piove e il governo è quasi ladro

Il secondo Festival dell’orgoglio migrante antirazzista, previsto per sabato 12 maggio sul pratone di Pontida, caro agli ampollari della Lega Lombarda che fu, è stato annullato. Ragioni politiche? Salvini che tuona da Roma? No. O meglio, i tuoni c’entrano: ma sono quelli dei temporali. Il raduno nella prima edizione (lo scorso 22 aprile) registrò 5mila […]
Mondo - 14 maggio 2018

La Lituania fa 100. E come antidoto alle paure usa l’arte

La Lituania, nodo baltico dell’Unione Europea, celebra a Roma in questi giorni il centenario della sua prima e faticata indipendenza repubblicana con l’arte, la musica, il teatro, i video, la fotografia, la danza. Lo fa con un festival raffinato e creativo, meriterebbe restasse più a lungo. Si chiama Flux, dal manifesto Fluxus (1963) di George […]
Sport - 7 maggio 2018

Un Giro da guerra e turisti. Elia due volte re d’Israele

La terza tappa ed ultima tappa d’Israele si svolge in terra di Abramo, i “girini” sono diretti alle gole di Salomone, più o meno, perché sono a qualche chilometro dal traguardo di Eilat, la piccola Miami del Mar Rosso, rovinata dal pacchiano gusto architettonico dei ricchi emigrati russi, che qui la fanno da padroni. Così […]
Mondo - 6 maggio 2018

Il Giro con la stella di David: tutti pazzi per Elia il profeta

Nel giorno dello shabbath, Israele scopre il ciclismo: due milioni di spettatori lungo i 167 chilometri della seconda tappa da Haifa a Tel Aviv. Un miracolo, spiritualità e trascendenza del Giro in Terrasanta. Il messia di ieri ha il nome di un grande profeta, Elia. Quello di Viviani, campione olimpico di omnium (specialità della pista), […]
Sport - 5 maggio 2018

Giro d’Italia a Gerusalemme. Il più forte rimane Dumoulin

“È la vittoria più importante o la più simbolica della tua carriera?”. Tom Dumoulin non ci pensa un istante. Sorride furbo: “Non è la più importante. Ma è molto bella”. Che abbia battuto l’australiano Dennis Rohan di appena 2 secondi, non conta granché, peraltro il belga Victor Campenaerts ha ottenuto lo stesso tempo di Dennis. È […]
Mondo - 4 maggio 2018

Condono preventivo al Giro Froome corre oltre il doping

Sei pronta Gerusalemme ad accogliere il Giro d’Italia?”. La folla ammassata nella centralissima Safra square, piazza edel nuovo Municipio, a poca distanza dalle mura della Città Vecchia – risponde così forte, prima con un vibrante “ken” (sì) poi con un orgoglioso “kan” (qui). Sarà la suggestione di quell’attimo, o forse è il vento, ma pare […]
Mondo - 3 maggio 2018

Il Giro santo di Froome & C. Sicurezza (ma non dal doping)

“Quando attacco, lo faccio per non morire di noia”, dice il montagnard Thibault Pinot che è dello Jura, una delle regioni più fredde d’Europa, che detesta l’aereo e che teme il caldo più di Chris Froome, il grande favorito del Giro d’Italia in trasferta mistica nelle lande della Bibbia. Pinot è il Mauro Corona del […]
Mondo - 1 maggio 2018

Le parole di Bartali per accendere il Giro

“Preferisco la parola Giusto piuttosto che quella di eroe”, affermerà uno schivo ma schietto Gino Bartali domani sera al Museo della Scienza di Gerusalemme, dopo che lo Yad Vashem, il museo dell’Olocausto, nel corso di una solenne cerimonia, gli avrà conferito la cittadinanza israeliana alla memoria per aver salvato 800 ebrei, fornendogli documenti falsi che […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×