/ di

Januaria Piromallo Januaria Piromallo

Januaria Piromallo

Giornalista e scrittrice

Januaria Piromallo giornalista&blogger (situazioni ormai inscindibili). Ho collaborato e collaboro con molte testate giornalistiche: Panorama, Sette (del Corriere) Oggi, Capital, Dagospia, L’Espresso, Vogue.it, Corriere del Mezzogiorno, L’Indipendente (di Vittorio Feltri) e Telemontecarlo (Pianeta Neve e “Ladies&Gentlemen”). Ho pubblicato con Cairo Bella e d’Annata. Corso di sopravvivenza socialmente scorretto (che è diventato anche un blog). Assieme alla socia Marika Borrelli ho scritto Come pesci nella Rete, saggio semi-serio sui social media. Il mio libro più recente s’intitola Il sacrificio di Éva Izsák, edito nel 2014 per Chiarelettere. Sono Docente (ma molto part time) al Master di Giornalismo dell’ Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli. I miei maestri sono stati Massimo Fini e MariaLuisa Agnese. Ho inseguito umani e umanità, ho molto viaggiato, dal Vietnam postguerra alla Cambogia dei Kmer rossi, dal Perù del Sendero Luminoso alla Romania di Ceausescu, dalla ex Jugoslavia in fiamme all’Argentina dei Desaparecidos, passando per la Madre Africa. Come un fantasma, entravo e uscivo dai dolori del mondo, li respiravo, e intanto scrivevo. Ho conosciuto donne meravigliose votate al sacrificio, donne di fatto. Di loro parlerò nel mio blog.

Blog di Januaria Piromallo

Piacere quotidiano - 31 dicembre 2013

Capodanno: per quelli che come me odiano zamponi, cotechini e bollicine

“Se potesse parlare il nostro corpo, alzerebbe bandiera bianca”, dice Francesco Padrini, psicoterapeuta, sessuologo ed esperto del linguaggio del corpo. Durante il tour de force mangereccio/natalizio, rimpizzandoci di fritti, zamponi, cotechini e bollicine, costringiamo il nostro fisico a un bel po’ di “straordinari”. Con le feste il rapporto con il cibo (come, d’altronde, quello con i parenti a stretto contatto) si […]
Società - 27 dicembre 2013

Musei vaticani, il paradiso abitato da poveri diavoli

Caro Papa Francesco ti scrivo, sei stato appena incoronato dal Time Personaggio dell’Anno dedicandoti la bellezza di 21 pagine (wow!) e di questo mi congratulo. Visto che sei così attento alla comunicazione, voglio raccontarti la cronistoria di un giorno qualsiasi ai Musei Vaticani, praticamente casa tua.  Un’ora abbondante di  gomito a gomito, sudori e aliti, […]
Lavoro & Precari - 20 dicembre 2013

Babbo Natale, regalaci un lavoro!

Caro Babbo Natale ti scrivo,  a nome di tutti i disoccupati d’Italia e, sopratutto, del Sud (che Gian Antonio Stella ha bollato come la lente d’ingrandimento dei problemi del Paese). Tu che vivi in un mondo fiabesco mentre la vita li continua a prendere a cazzotti in faccia. Mi scrive una di loro, veramente incazzata, […]
Società - 10 dicembre 2013

Esselunga, dynasty familiare. Cara Violetta ti scrivo

Perché un tempo siamo state amiche, mi hai invitato al tuo primo matrimonione a Londra e ai tuoi compleanni. Non mi hai invece invitato al tuo secondo matrimonio a Saint Tropez, tre anni fa, per motivi che conosci solo te ma che rispetto. Abbiamo ancora tanti amici in comune dei quali mi faccio in piccola parte portatrice […]
Società - 1 dicembre 2013

Napoli, sotto il Vesuvio lapilli di creatività

L’articolessa Bevi Napoli e poi muori fa ancora sanguinare il mio sfegatato campanilismo partenopeo. Possibile che il nostro biglietto da visita sia solo corruzione, furti, scippi, camorra, malgoverno, ed ora ci mancava pure l’avvelenamento ambientale. Ma, grazie al cielo, si incontrano anche lampi di creatività e faville di imprenditorialità all’ombra del Vesuvio. E Quartiere Intelligente […]
Cultura - 17 novembre 2013

Da Joyce a Facebook, come evolve il linguaggio della comunicazione

Non è imperativo ma lo consiglio. E non perché ho rapporti di parentela non lontani con l’autore. Che, come Oriana Fallaci si faceva chiamare scrittore, anche lei dice che certe professioni al maschile suonano più autorevoli. Dunque Agata Gambardella Piromallo è professore di Scienze della Comunicazione, conferenziere, oltre che autore di numerosi saggi (tra cui […]
Società - 10 novembre 2013

Anno 2013, mi faccio monaca di clausura

Proviamo a togliere a nostra figlia cellulare, computer, iPad, iPod, anche solo per un giorno. Ci manda alla malora. E’ quello che invece ha fatto una ragazza di 24 anni, fresca di laurea in Lingua Cinese, ha mollato tutto, ed è entrata nel monastero Trappiste di Vitorchiano, ordine cistercense della Stretta Osservanza, provincia di Viterbo. […]
Cultura - 12 ottobre 2013

Le farfalle di Auschwitz

Chi vuole rivedere la mamma si faccia avanti. Venti bambini, tra i 7 e 12 anni, corpicini rinsecchiti rivestiti di stracci, una stella gialla appuntata sui gracili petti, facce smunte e patite, occhi spalancati sull’orrore,  fecero un passo avanti, tenendosi per mano. Fu la pietosa bugia del dottore Josep Mengele. I bambini erano stati strappati ai […]
Lavoro & Precari - 5 ottobre 2013

Lavoro, il Sud e la filosofia del ‘chiagne e fotte’

La storia di Nicola Coppola è esemplare. Pugliese di Barletta, 42 anni, casaro, il lavoro dalle due parti scarseggia parecchio. E allora lui cosa fa? Invece di prendersela con quell’accidenti di crisi, chiude il caseificio e si trasferisce con moglie e figli a Torino. Sì, ha avuto il coraggio di lasciarsi alle spalle sole, orecchiette […]
Società - 28 settembre 2013

Questo battesimo non s’ha da fare

E’ successo pure a me. E mi sono sentita giudicata, respinta, emarginata quando fu rifiutato il battesimo a mio figlio. Convivevo con il mio compagno e per la Chiesa vivevo nel peccato, dunque, mio figlio non aveva diritto al sacramento. Inutile spiegare a Padre Antonucci, inflessibile parroco della chiesa di Santa Maria degli Angeli, quartiere […]
Capodanno 2014, quando il cenone è solidale: le iniziative da Verona a Bari
La “gubana”, speciale strudel friulano

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×