/ di

Giusy Baioni Giusy Baioni

Giusy Baioni

Giornalista freelance, #Africa, #migrazioni

Che c’entrano la formazione classica, gli anni di latino e greco, con il giornalismo di esteri? Apparentemente poco. Ma è proprio quando hai solide conoscenze delle origini della tua cultura che non hai paura di confrontarti con le altre. È iniziata così ed è diventata una professione. La vita mi ha portata in Medio Oriente e nel cuore dell’Africa e di questo in particolare mi occupo: pur non osando dirmi “esperta” (non basterebbe una vita a diventarlo), di certo sono appassionata di Africa Centrale e conosco questa zona “calda” meglio di altri. Il cuore del mondo, la culla dell’umanità, un concentrato di contraddizioni, enormi ricchezze e scandalosa miseria, disperazioni e gioie, un approccio alla vita da cui abbiamo solo da imparare. Alla professionalità non riesco a non unire, da sempre, una partecipazione personale alle vicende che racconto. Insieme a “Beati i Costruttori di Pace”, di cui faccio parte da tempo, abbiamo realizzato azioni di pace in RdCongo durante gli anni della guerra, poi come osservatori internazionali alle prime elezioni libere nel Paese dopo oltre 40 anni. Il mio sogno? Che l’Africa tutta entri a pieno titolo nelle pagine di esteri, vedendosi riconosciuta quella dignità politica che ancora le è negata. E che la società civile e l’attivismo facciano lo stesso: giustizia e diritti, non elemosina.
Ho collaborato alla redazione dei seguenti libri: Lavoro a perdere. Equo e iniquo nella società globale, 2005, ed Paoline, collana Nord-Sud a cura di Luciano Scalettari; Leoni d’Africa. Padri (e padroni) del Novecento nero, Epoché edizioni, 2008.

Blog di Giusy Baioni

Mondo - 12 Agosto 2014

Ebola, Chantal e gli altri

Si chiamava Chantal Pascaline. Una delle ormai circa mille vittime di ebola. É morta all’ospedale Saint-Joseph di Monrovia, in Liberia. Era congolese, era una suora dell’ordine ospedaliero di San Giovanni di Dio. Ed era collega di padre Miguel Pajares, il missionario spagnolo rimpatriato d’urgenza il 6 agosto, il primo europeo ad aver contratto il virus. […]
Mondo - 18 Luglio 2014

Nelson Mandela Day: Madiba e la causa palestinese, oggi

Mandela-Day Google Doodle Questione di ricorrenze. E di coincidenze. Nella notte a cavallo tra il 17 e il 18 luglio, l’esercito israeliano invade Gaza: il 17 luglio, giorno in cui si ricorda l’istituzione della Corte Penale Internazionale dell’Aja; il 18 luglio, consacrato dalle Nazioni Unite ne come il Mandela Day, il primo che si celebra senza di lui. […]
Mondiali di Calcio - 15 Luglio 2014

Mondiali Brasile 2014 visti dall’Africa: dalle richieste di asilo al premio anticipato

Tifoso Ghana No, no, non ho nessuna intenzione di discettare anch’io di calcio, quest’oggi. Non mi compete. Ma mi piacerebbe raccontarvi alcuni fatti “collaterali” che hanno contrassegnato questi mondiali, visti dall’Africa, che da sempre segue con particolare ardore le competizioni calcistiche. Al di là del valore crescente di alcune nazionali (valutazioni nelle quali – da profana – […]
Mondo - 4 Luglio 2014

Immigrazione: morti di terza classe

La morte rende tutti uguali. O forse no. Forse anche dopo morti esistono persone di serie A e persone di serie B. Ho ancora negli occhi il lento avvicinarsi della bara galleggiante al molo di Pozzallo. Le immagini tv e il silenzio. A bordo, il computo finale è di quarantacinque persone senza vita, morte nel […]
Iraq, Obama appoggia al Abadi al governo Ma al Maliki non molla: “Nomina illegale”
Ebola, morto missionario spagnolo. Obama fa spedire siero sperimentale in Liberia

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×