/ di

Francesca Borri Francesca Borri

Francesca Borri

Corrispondente di guerra

Non amo la definizione di giornalista di guerra, anche se scrivo soprattutto di Siria, in questi mesi, vivo in Medio Oriente, e in quello che scrivo, in genere, qualcosa esplode, qualcuno muore. Ma le guerre, alla fine, non sono solo quelle con i missili e i carrarmati – quelle sono solo le guerre più facili da vedere. L’unica cosa che mi guida, in realtà, è la curiosità. E l’unica cosa che le mie storie hanno in comune, è che sono storie a km zero. Storie, cioè, non raccontate con un copia&incolla da internet, con telefonate, voci, pezzi di facebook, pezzi di altri, ma toccate con mano, fango alle caviglie: storie raccontate dalle vene del mondo. Perché il mondo sembra in bianco e nero, amici e nemici, torto e ragione, solo a guardarlo a distanza. Da vicino, tutto è molto più complesso, più sfumato, i ruoli spesso si ribaltano – e i confini si sgranano: perché quando entri in una sperduta casa africana, e ti parlano in perfetto francese, non puoi non capire quanta parte di noi c’è in questo mondo che crediamo lontano. Che crediamo estraneo.
E spesso non è la nostra parte migliore.
E non sei più tu, allora, all’improvviso, quello che fa le domande. A volte, a guardare da vicino, tu sei quello chiamato a rispondere.

Francesca Borri, 1980, studi in relazioni internazionali, dopo una prima esperienza nei Balcani ha lavorato in Medio Oriente, e in particolare in Israele e Palestina, come specialista di diritti umani. Nel 2012 ha deciso di raccontare la guerra di Siria come reporter freelance. Da allora, i suoi articoli sono stati tradotti in 15 lingue.

Il suo libro più recente, La guerra dentro, attualmente disponibile in Italia e Norvegia, uscirà in Gran Bretagna la prossima primavera.

I feel uneasy with the definition of war journalist, even if I have been writing mostly about Syria, in the last months, I live in the Middle East, and in what I write usually something explodes, someone dies. But wars, in the end, are not just the ones fought with jets and tanks – those are simply the easiest to notice. The only thing I am moved by, actually, is curiosity. And the only thing that my pieces share, is that they are zero-mile stories. I mean, stories told not through a copy&paste from the web, through phone interviews, rumors, Facebook stuff, others’ stuff, but experienced at first hand, your ankles deep in mud: stories told from the veins of the world. Since the world looks black and white, friends and enemies, right and wrong, only if you watch it from the distance. Close up, everything becomes more complex, more blurred, the roles often reverse – and the borders crumble: because when you enter a remote African house, and you are talked to in perfect French, you can’t miss how much of us resides in this world that we believe to be far away. That we believe to be foreign.
And often isn’t the best of us.
And isn’t you anymore, then, suddenly, the one that asks questions. Sometimes, looking from close up, you are the one called to answer.

Francesca Borri, 1980, a background in International Relations, after a first experience in the Balkans worked in the Middle East, and especially in Israel and Palestine, as human rights officer. In 2012 she decided to cover the war in Syria as a freelance reporter. Since then, her articles have been translated into 15 languages.

Her last book, La guerra dentro, currently available in Italy and Norway, will be out in English next spring.

Articoli Premium di Francesca Borri

Mondo - 19 maggio 2016

Lontanissimi eppure tra noi. I volti vittoriosi dei profughi

Sulla destra, in primo piano, una ragazzina siede assorta, la carne delle braccia, a chiazze, senza pelle. Le dita carbonizzate. È rimasta ferita in un bombardamento, ma è così normale, in Darfur, che siede lì come se niente fosse, sulla porta di casa, le spalle al muro, come in un pomeriggio d’estate, a sinistra, speculare, […]
Mondo - 9 maggio 2016

L’Isis è un’opportunità di lavoro (in Tunisia)

Un tempo volevano andare tutti in Italia. Ora il sogno, qui, è Raqqa. Cinque anni, e in Siria, 500mila morti dopo, la Tunisia è il solo paese della primavera araba in cui la rivoluzione non è deragliata. Gli islamisti di Ennahda sono al governo insieme ai laici di Nidaa Tounes, e nonostante un vicino difficile […]
Mondo - 23 aprile 2016

“Occidente ricattato da venti generali padroni dell’Egitto”

Nel numero di venerdì 22 aprile abbiamo pubblicato la prima parte dell’intervista a Amr Darrag che guida Giustizia e Libertà, il partito dei Fratelli Musulmani dall’esilio di Istanbul. Darrag ha fatto una analisi del contesto in cui ha perso la vita Giulio Regeni, il ricercatore italiano morto al Cairo; sulla fine dello studioso un anonimo […]
Primo Piano - 22 aprile 2016

“La faida tra Servizi segreti ha stritolato Giulio Regeni”

Penso che l’anonimo, sì, sia credibile. Penso sia andata più o meno come racconta, perché quei dettagli sulle torture, sul corpo di Giulio Regeni, che cita, tipo le bruciature di sigaretta sul collo, non erano stati resi noti. Ma soprattutto, l’anonimo non è poi così anonimo. A leggere attentamente le sue parole, a leggere tra […]
Mondo - 1 aprile 2016

Il terrore visto dalla Siriaq: qui è Bruxelles tutti i giorni

Per fronteggiare l’Isis, molti elettori alle primarie Usa, sia Democratici sia Repubblicani, si sono detti pronti al sacrificio. Sì, hanno risposto, in un sondaggio: siamo disposti a bombardare Agrabah. Non è una scelta facile, hanno detto, ma è il prezzo della libertà. E poi vi meravigliate degli attentati di Bruxelles? Di Parigi, di quelli che […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×