/ di

Bruno Tinti Bruno Tinti

Bruno Tinti

Ex magistrato, giornalista e scrittore italiano

Prima di dedicarmi al giornalismo e alla scrittura di saggi, sono stato magistrato, dal 1967 al 2008. Entro in magistratura pochi giorni dopo aver compiuto 25 anni e prendo subito servizio a Torino. Dopo qualche anno in Tribunale, divengo prima Giudice Istruttore e poi Sostituto Procuratore della Repubblica, ruolo che ho continuato a svolgere fino a quando ho lasciato la magistratura; dal 1990 al 1995 sono Procuratore della Repubblica a Ivrea; dal 1995 al 2008 Procuratore aggiunto a Torino.

Nel 1982 comincio a occuparmi di reati tributari, societari e fallimentari; ho coltivato questa specializzazione per tutta la mia vita professionale e, come procuratore aggiunto, sono stato a capo del pool specializzato in diritto penale dell’economia. In questo settore mi sono occupato di indagini di rilevante spessore; tra queste quelle relative al caso “Telekom Serbia”, che manda assolti esponenti di vertice della sinistra italiana (Romano Prodi, Lamberto Dini, Piero Fassino).

Mi specializzo anche in informatica giudiziaria e, dal 1995 al 2008, sono stato referente informatico per il Ministero della Giustizia presso la Corte d’Appello di Torino: gestivo l’organizzazione informatica degli uffici giudiziari del Piemonte e studiavo e realizzavo nuove procedure per la creazione e l’utilizzazione del cosiddetto fascicolo informatico, nonché per l’organizzazione del lavoro dei magistrati e della loro partecipazione alle udienze penali.

Mi sono dedicato a un’attività di studio nel campo del diritto che ha portato alla pubblicazione di un manuale di diritto penale tributario (Contravvenzioni e delitti tributari – Utet 1986) e di numerosi articoli in materia tributaria e societaria su riviste specializzate. Tra il 1995 e il 2000 sono stato professore a contratto presso l’Università del Piemonte Orientale dove ho tenuto un corso di Diritto Penale Tributario. Tra il 1992 e il 2000 sono stato presidente, in successione, di tre Commissioni ministeriali per l’elaborazione di una nuova legge penale tributaria che sostituisca la legge 516/82; il Parlamento italiano approverà la nuova legge con modifiche tali da snaturarne completamente l’impianto, sì da renderla del tutto inefficiente.

Lasciata la magistratura, scrivo tre libri, Toghe rotte (2007), La Questione Immorale (2009) e La rivoluzione delle tasse (2012), tutti per Chiarelettere. Ho descritto lo stato comatoso della giustizia italiana, proposto le riforme necessarie per renderla efficiente e analizzato le leggi emanate allo scopo di assicurare l’impunità al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e agli altri politici accusati di reati contro la Pubblica Amministrazione, quali corruzione, frode fiscale, falso in bilancio. Nel 2009 sono diventato azionista del nuovo giornale Il Fatto Quotidiano, di cui sono anche collaboratore stabile: tengo una rubrica ebdomadaria, “Giustamente”, che esce ogni venerdì e pubblica articoli in materia di giustizia e politica.

Dal 2009 sono iscritto all’Ordine degli Avvocati di Roma.

Articoli Premium di Bruno Tinti

Commenti - 31 luglio 2017

Vaccini, l’ignoranza ne fa una pericolosa questione di libertà

Il Sole e tutto l’Universo girano intorno alla terra; che – come ognuno sa o deve sapere – è piatta. Nostro Signore Iddio ha creato gli uomini a sua immagine e somiglianza e l’unica vera religione è quella da Lui rivelata. Dogmi, vale a dire pregiudizi; perché nessuno aveva alcuna prova per sostenere queste affermazioni. […]
Commenti - 24 luglio 2017

Tra libertà di stampa e interessi collettivi il limite è troppo vago

Nel 2010 e nel 2013 sono comparsi nelle sale cinematografiche italiane due film americani: Fair Game e Nothing But The Truth, malamente tradotti in Caccia alla spia e Una sola verità. Erano ispirati a una storia vera. Washington Post e New York Times avevano rivelato la campagna di disinformazione del governo Bush alla vigilia dell’invasione […]
Società - 17 luglio 2017

Per il Csm servirebbe il sistema del sorteggio, come al tempo dei Dogi

Mentre i miei ex colleghi litigavano sulla diaspora di una corrente (A&I, Autonomia e Indipendenza fondata da Piercamillo Davigo) dalla Giunta (il Governo) dell’Associazione Nazionale Magistrati, io stavo a Venezia. Avevo preso contatto con una guida turistica: volevo un riassunto della storia politica/militare/commerciale di Venezia; seduti in piccoli bar nei vari luoghi in cui si […]
Commenti - 10 luglio 2017

Assenza per malattia: non ho proprio voglia di lavorare, quasi quasi mi autocertifico

Il 4 luglio Luisiana Gaita su ilfattoquotidiano.it ha raccontato di un disegno di legge presentato dal senatore Maurizio Romani: i lavoratori indisposti potranno certificare la propria inidoneità al lavoro con un’autodichiarazione limitatamente ai primi tre giorni di “malattia”; successivamente occorrerà un certificato medico. La platea dei sostenitori di simile iniziativa sembra vastissima: non solo gli […]
Commenti - 3 luglio 2017

Migranti, non basta l’urgenza per proporre delle soluzioni idiote

“Esistono due tipi di idioti: quelli che rinunciano a fare qualcosa perché hanno ricevuto una minaccia e quelli che pensano che faranno qualcosa perché li stanno minacciando”. (Paulo Coelho, Il diavolo e la signorina Prym – Bompiani, 2000). C’è n’è anche un terzo tipo: quelli che pensano che basti una minaccia per far fare qualcosa […]
Commenti - 26 giugno 2017

Avvocati, lo sciopero “a singhiozzo” è un escamotage

Nei primi Anni 90 ero Procuratore della Repubblica in Ivrea. Nel 1994 (mi pare) ci piombò tra capo e collo uno sciopero degli avvocati. La ragione dello sciopero non me la ricordo; ma il casino che ne risultò sì, benissimo. Processi da rinviare, notifiche da rifare, testimoni imbestialiti, calendari di udienza ingestibili; un incubo. All’epoca […]
Commenti - 20 giugno 2017

Il femminicidio va punito, ma solo se ci sono prove

Tanti anni fa, in un convegno: “Quando muore un operaio qualcuno deve pagare”. Applausi. Io: “Sì, se ci sono prove della sua responsabilità”. Silenzio. Qualcuno disse: “Stai parlando come uno di destra”. Oggi si ragiona (?) nello stesso modo per gli omicidi di donne in ambito familiare. Si è coniato un nuovo termine, femminicidio. Maschicidio […]
Commenti - 19 giugno 2017

Differimento della pena per Totò Riina: un assurdo della logica

Il Diritto è lo strumento con cui si fa Giustizia; che non si ha se non si applicano le stesse regole a tutti i cittadini. Per questo servono i codici: regole certe, dunque scritte. E professionisti in grado di conoscerli e di applicarli: avvocati e giudici. Questo è il sistema migliore possibile: consente un margine […]
Commenti - 12 giugno 2017

Terrorismo, perché non riusciremo mai a “fermarli prima”

Il copione è sempre lo stesso: Youssef Zaghba, uno degli attentatori di Londra, era noto alle autorità italiane e poi inglesi, cui erano state trasmesse le informazioni disponibili. Quali erano gli elementi che lo rendevano un sospetto terrorista? Aveva un biglietto aereo per Istanbul e niente bagaglio; e poi – ovviamente – si chiamava come […]
Commenti - 5 giugno 2017

L’insostenibile pesantezza del “reddito di cittadinanza”

Nell’ultima pagina de Il Nome della Rosa di Umberto Eco, Adso ricorda il suo Maestro, Guglielmo di Baskerville: “Prego sempre che Dio abbia accolto l’anima sua e gli abbia perdonato i molti atti di orgoglio che la sua fierezza intellettuale gli aveva fatto commettere”. Fatte le debite proporzioni (ovviamente sfavorevoli) mi accorgo di commettere molti […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×