/ di

Alex Corlazzoli Alex Corlazzoli

Alex Corlazzoli

Maestro e giornalista

Nella vita non avevo previsto di fare l’insegnante. Ho sempre sognato di fare il giornalista. Anzi da bambino avrei voluto fare il prete. Sono nato in campagna da una famiglia di operai, dove libri e giornali, in casa, non esistevano. Mi sono iscritto al liceo e ho terminato il mio curriculum scolastico alle magistrali. Ma la mia “scuola” sono state le strade del mondo: l’esperienza tra i ragazzini dei quartieri più difficili a Palermo, come l’incontro con Sarina Ingrassia che ha dedicato la vita ai “picciriddi” di Monreale; la conoscenza delle altre culture nei miei viaggi in Mozambico, Senegal, Kenya, Marocco, Palestina, Siria, Giordania, Libano, India, Brasile, Albania, Romania e altri ancora. È stato il giornalismo ad insegnarmi a essere curioso e a pormi sempre nuovi interrogativi. Ho lavorato in piccoli quotidiani e collaborato con settimanali come Diario della Settimana e Avvenimenti. Oggi collaboro con Il Fatto Quotidiano; Altreconomia; Gioia; Che Futuro.it. Tra i libri che ho scritto: Riprendiamoci la scuola (Altreconomia 2011), L’eredità (Altreconomia 2012), La scuola che resiste (Chiarelettere 2012), Tutti in classe (Einaudi 2013) e Gita in pianura (Laterza 2014), #lacattivascuola. Un’inchiesta senza peli sulla lingua (Jaka Book, 2015); Sai maestro che…da grande voglio fare il premier (Add, 2015) scritto con un mio ex alunno. Ma soprattutto faccio il maestro, trasmettendo ai ragazzi tutto quello che la vita mi ha donato. Nel bagaglio delle esperienze: il volontariato in carcere per dieci anni dove ho fondato il giornale Uomini Liberi, l’esperienza nei campi nomadi a Firenze, la lotta alla mafia fatta anche al Nord. Nel 2008 ho fondato l’associazione L’Aquilone che si occupa di integrazione di migranti. Dirigo il mensile Filo diretto a Monreale. Conduco la rubrica “Dietro la lavagna” a Radio Popolare e sono spesso ospite di trasmissione televisive come “Storie Vere” Rai Uno. Candidato sindaco per due volte a Offanengo, al bavero della giacca ho portato per anni una spilla gialla con scritto “Io non ho votato Berlusconi”. Oggi sono convinto che “il vero politico non ha un partito e il vero cristiano non ha una Chiesa”.

Blog di Alex Corlazzoli

Scuola - 18 aprile 2016

Referendum trivelle: una brutta lezione per Mauro, 9 anni

Giovedì prima di terminare la lezione di scienze, mentre parlavo dell’acqua e della sua importanza, Mauro, 9 anni, ha alzato la mano e mi ha detto: “Maestro, domenica si va a votare per difendere il nostro mare. A me piacerebbe poterlo fare”. Per un attimo sono rimasto zitto. Mi sono chiesto chi avesse parlato lui del […]
Scuola - 11 aprile 2016

Insegnanti: cari allievi, anche il vostro maestro è un ‘Dop’

Non me l’aspettavo di finire anch’io etichettato con una di quelle sigle che vanno tanto di moda nell’epoca degli acronimi didattici. Eppure cari allievi, qualche giorno fa anche il vostro maestro è stato “battezzato”, è entrato a far parte di quelli “problematici”, di quelli che qualcuno definisce “delinquentelli” o drop out. Al corso di formazione […]
Media & Regime - 7 aprile 2016

Riina jr a Porta a Porta: Vespa, vietato ai minori di 18 anni

Quando entro in classe ogni mattina sfoglio l’agenda antimafia e leggo con i miei ragazzi uno di quegli 800 nomi di bambini, magistrati, giornalisti, preti, sindacalisti, carabinieri, poliziotti, innocenti, uomini e donne ammazzati da quelli che ieri sera Bruno Vespa ha voluto portare in Tv. L’abile conduttore in apertura della puntata di Porta a porta con […]
Scuola - 5 aprile 2016

Scuola, la rivoluzione dei maestri senza zaino e senza voto

“La scuola la vorrei senza pagelle e con tante cordiali chiacchiere con i genitori, perché, alla fine, invece di una bella pagella, si abbia un bel ragazzo, cioè un ragazzo libero, sincero, migliore comunque”. Sono le parole di un uomo diventato maestro appena finita la seconda Guerra Mondiale: Mario Lodi, l’autore di Cipì. Sessant’anni più tardi […]
Scuola - 28 marzo 2016

Terrorismo, cerchiamo la risposta nei ragazzi della terza generazione

Provate a guardare i volti dei terroristi di Parigi e di Bruxelles. In questi giorni, dopo l’attacco nella capitale belga, mi sono soffermato più di una volta a osservare i loro visi, i loro occhi, a leggere i loro nomi e le loro storie. Soprattutto la loro età: Bilal Hadfi, 20 anni; Ahmad al Mohammad, […]
Scuola - 22 marzo 2016

Scuola, la Costituzione va studiata come le tabelline

Diciamolo chiaramente: alla scuola italiana non interessa nulla che i nostri ragazzi conoscano la Costituzione italiana. A dirlo non è chi scrive questo post ma sono i risultati dell’indagine “L’educazione alla cittadinanza nella scuola superiore italiana” svolta dall’associazione “Treellle” su un campione di giovani tra i 19 e i 23 anni che hanno terminato gli […]
Scuola - 15 marzo 2016

Scuola, ragazzi che vogliono riportare in aula la Costituzione. Altro che sdraiati!

Questa è una di quelle notizie che non vi racconterà nessuno. Sia chiaro, non è uno scoop. Non serve ad alimentare alcuna polemica. Forse non farà rumore ma è la cronaca di uno di quegli alberi che cresce silenziosamente nel nostro Paese. E’ la cronaca di quell’Italia che se ne frega dei litigi di un […]
Scuola - 8 marzo 2016

8 marzo, donne senza stipendio da mesi, altro che festa!

Carmen l’ultimo stipendio l’ha preso nel mese di ottobre: 354 euro circa. Da allora ha lavorato in maniera quasi continuativa firmando tre contratti di supplente ma non ha preso un centesimo di euro. Il suo cedolino parla chiaro. Presa dalla disperazione me l’ha inviato nella speranza che almeno un giornalista dia loro voce. Sul sito di […]
Scuola - 29 febbraio 2016

Vendola padre, ‘Maestro, perché Tobia ha due papà e non ha una mamma?’

Immaginate per un attimo un colloquio tra bambini di 6-7 anni. Siamo nella classe di Tobia Antonio, il figlio di Nichi Vendola e Ed Testa, nato sabato scorso in California grazie alla maternità surrogata. Stamattina a portare il piccolo Tobia a scuola sono stati i due papà, premurosi, attenti, vigili come ogni genitore. Gli altri […]
Scuola - 24 febbraio 2016

Scuola, arabo obbligatorio. Perché no?

Sifr, wahid, ‘ithnan, thalatha, ‘arba^a. Ora di lezione d’arabo. Impariamo i numeri. Potrebbe essere questa la soluzione ai problemi legati all’immigrazione. A lanciare questa idea in Germania non è l’islamista di turno o qualche musulmano ma Thomas Strothotte, eccellenza dell’informatica tedesca e presidente dell’Università di Amburgo. Intervistato dal settimanale tedesco Die Zeit, il professore avrebbe […]
“Scuole belle”, prorogato progetto: da governo 64 milioni per opere di manutenzione e per dare lavoro a ex-Lsu
Concorso scuola 2016, sedi dell’esame cambiano a sorpresa meno di dieci giorni prima dei test

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×