Aggiornato alle 0:03 - 17/12/2017
Direttore testata online: Peter Gomez

Il fatto quotidiano

Sicilia, così parlò il neoletto Micciché (con voti Pd)
“Nessun taglio a stipendi, antimafia da rivedere”

La detenzione di Dell’Utri è “inaudita cattiveria”, la commissione Antimafia regionale va rivista, gli stipendi dei dipendenti dell’Ars non si toccano. Così Gianfranco Micciché, deus ex machina dell’elezione di Nello Musumeci e plenipotenziario di Forza Italia in Sicilia, ha salutato la sua elezione a presidente dell’assemblea regionale. Neanche il tempo di ringraziare i 39 deputati che lo hanno votato, quattro dei quali del Pd, e Micciché ha dettato l’agenda dalla poltrona sulla quale si era già accomodato nel 2006, quando il governatore era Cuffaro

di F. Q.

L’ANTICIPAZIONE – Wanna Marchi a
La Confessione: “Io ho fatto guadagnare
pure il governo”. Questa sera su Nove

“La ricerca è appesa a un filo”. Precari del
Cnr si calano dal tetto, poi vedono Grasso

M5S, Di Maio: “Bernini pagherà il suo
ex collaboratore. Impignorabilità degli
stipendi dei deputati non va mai usata”

Ryanair, ‘corsi da 30mila euro, turni di 12
ore. Anche l’acqua si paga, lavoriamo così’

‘Accettiamo sindacato’. Calenda: ‘Minimo’

Gerusalemme, scontri nel “venerdì della
rabbia”: morti 4 palestinesi. Un milione
i manifestanti. Molotov contro l’esercito

Balle Spaziali, sulla piattaforma Loft
il nuovo programma di Marco Travaglio
su tutte le bugie della politica- Video

“Io in strada, senza casa né un lavoro”
Un nostro giornalista “nuovo povero”
per 7 giorni – FqMillennium in edicola

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×