Filippo Tortu ha vinto la medaglia di bronzo nei 200 metri agli Europei di atletica in corso a Monaco nell’ambito della rassegna multisport. L’azzurro ha concluso la propria prova in 20″27, alle spalle dei due britannici Zharnel Huhes, oro in 20″07, e Nethaneel Mitchell-Blake, argento in 20″17. “Dovrei essere contento ma forse finita la gara sono più arrabbiato del colore di questa medaglia”, ha detto l’azzurro ai microfoni Rai subito dopo aver conquistato la medaglia. “Penso di aver fatto una buona gara e di non aver sbagliato granché, ma gli altri ne avevano di più. Ho fatto una buona gara, ma volevo l’oro, mi sarei non tanto accontentato dell’argento quindi questo bronzo mi sta un po’ stretto, ma quando finisci sul podio in una competizione così importante è comunque bello”.

Amara eliminazione per l’Italia, invece, nella staffetta 4×100 metri: gli azzurri, privi di Marcell Jacobs, si erano qualificati con l’ottavo e ultimo tempo di ripescaggio in 39″02 ma la giuria nei minuti successivi alla conclusione delle batterie ha accolto il ricorso della Turchia, che era stata danneggiata dalla Finlandia permettendo agli anatolici di ripetere la prova correndo in solitudine. I turchi hanno realizzato il tempo di 38″98 eliminando così l’Italia. “I miei compagni hanno attraversato diverse difficoltà in pista, ma brucia per il modo in cui siamo usciti”, ha commentato Tortu. “Per lo stesso motivo noi avevamo fatto ricorso ai Mondiali, ma allora ci dissero che tutto ciò faceva parte del gioco. Non ho capito perché oggi non ne faccia parte. Far correre da sola la Turchia proprio non l’ho capito”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caos Dazn, come funziona per ottenere il rimborso: circa 15 euro ad abbonato

next
Articolo Successivo

Europei 2022, un’altra estate di trionfi per lo sport italiano: giusto celebrarli, ma vanno fatti alcuni distinguo

next